Isis, dalle Filippine nuovo video di minacce a Roma e al Papa

Adjust Comment Print

Isis minaccia Papa e Italia in un video - infoitestero: Spagna ancora nell'occhio del ciclone. Si vedono jihadisti che devastano le statue di Cristo e poi strappano un poster con il volto di Papa Francesco.

La minaccia arriva ovviamente dalla rete, tramite un video prodotto da "al Hayat", la casa di produzione video ufficiale del Califfato, all'interno del quale vengono fatte intimidazioni nei confronti di Papa Francesco sottolineando che arriveranno a Roma. Lo riferisce il Site, il sito Usa di monitoraggio dell'estremismo islamico. Alcune delle immagini però, è emerso da coloro che hanno analizzato il file, proverrebbero da vecchi video di propaganda. Il filmato sembrerebbe girato nella località di Marawi, nelle Filippine, teatro di numerosi scontri fra i fondamentalisti dell'Isis e l'esercito locale. I lupi solitari sono coloro che sono stati sollecitati per colpire. In pratica, la novità è la scritta in italiano.

Inter, Thohir: "Sono tifoso da quando hanno acquistato i tre olandesi"
Thohir diede prova nella sua prima intervista in Italia, da Fazio sulla RAI, di avere una buona conoscenza del nostro calcio fino agli anni '90.

Qualche ora prima, lo stesso Site aveva rilanciato un'altra inquietante minaccia, sempre via Telegram (la piattaforma social preferita dall'Isis): "Il canale raccomanda ai lupi solitari particolari obiettivi, dopo aver lanciato una minaccia esplicita nei giorni scorsi all'Italia, da colpire con dei veicoli, sia lì che in Belgio e Danimarca", ha scritto il Site. Il rischio è che l'Isis, in un momento in cui patisce sconfitte militari in Iraq e Siria, possa decidere di nascondere le sue disfatte con attentati spettacolari contro obiettivi di risalto, come San Pietro.

Si sapeva già prima dell'attentato avvenuto a Barcellona, che l'Italia subisce ormai da diverso tempo pesanti minacce terroristiche da parte dell'ISIS. "Ma siamo pronti anche a questo", ha dichiarato il comandante Christoph Graf, come riportato da La Stampa. "Non ci sono evidenze" ma l'attività di prevenzione è strettissima.

Comments