Mafia: arcivescovo Palermo, città sia degna di eroi come Dalla Chiesa

Adjust Comment Print

"Se oggi questa città si può permettere di sperare il 3 settembre è grazie a tutto questo, grazie ad un impegno collettivo." . Con lui morirono anche sua moglie Emanuela e l'agente di polizia Domenico Russo. Il capo dello Stato si è poi recato nella chiesa San Giacomo dei Militari nella caserma dei carabinieri del comando regionale intitolata a Dalla Chiesa dove è stata celebrata una messa.

Destinato alla sua missione solitaria il Generale dalla Chiesa rimase al suo posto sino all'ultimo dei suoi 100 giorni in difesa della libertà e della democrazia.

Graziella Accetta, mamma di Claudio Domino: "Sono profondamente indignata". Placido Rizzotto, nipote del sindacalista corleonese Placido Rizzotto ucciso dalla mafia, ha parlato "di passerella e manifestazione squallida". Il gruppo di familiari e associazioni aveva uno striscione con scritto "Noi gli uomini e le donne dei Dalla Chiesa".

"La sua morte non è stata inutile" afferma la presidente della commissione antimafia Rosy Bindi. "Il prefetto Dalla Chiesa fu ucciso in quanto rappresentava un pericolo reale per la mafia e, non va dimenticato, anche perché fu lasciato solo".

Investire nel Forex con meno rischi
Questi tipi di manovre finanziarie sono molto comuni tra uomini e donne d'affari che cercano di moltiplicare i loro soldi. A seconda della tua situazione finanziaria e della tua età, c'è una vasta gamma di opzioni per te.

Dopo i saluti istituzionali del rettore Fabrizio Micari e del presidente del Senato della Repubblica, Pietro Grasso, interverranno Riccardo Galletta, comandante della Legione Carabinieri, "Sicilia" Salvatore Lupo, docente di Storia Contemporanea di Unipa, Felice Cavallaro, editorialista del Corriere della Sera, Francesco Lo Voi, procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Palermo, Nando Dalla Chiesa, docente di Sociologia della Criminalità Organizzata, presso l'Università degli studi di Milano. La seconda carica dello stato affida a Facebook il suo messaggio di commemorazione. "Quando fu nominato 'super prefetto' a Palermo in molte persone si accese la speranza". "Lo ricordiamo, e sempre continueremo a ricordarlo - prosegue - come grande esempio morale, di passione civica, di attaccamento allo Stato, di abnegazione nella lotta contro le forze del crimine, della violenza, di tutto ciò che era contro lo Stato". Nonostante le difficili condizioni, il generale non si rassegnò.

Anche la presidente della Camera, Laura Boldrini, ricorda il generale "protagonista rigoroso nella lotta al terrorismo stragista e alla criminalità organizzata". Nel solco di questo insegnamento deve continuare il nostro impegno.

"Oggi non c'è più la mattanza di 35 anni fa, purtroppo continua a esserci però una sottovalutazione quotidiana della legalità - ha detto Rita Dalla Chiesa - in questi 35 anni è rimasta la zona d'ombra". Egli era riuscito a definire una mappa del potere mafioso, ne aveva intuitole diramazioni in politica, nel mondo dell'imprenditoria, nelle attività di riciclaggio e in quelle apparentemente lecite.

Comments