Austria Vienna-Milan, Montella: "Tutti vogliamo riscattarci e dimenticare la Lazio"

Adjust Comment Print

Contro l'Austria Vienna, in Europa League, Vincenzo Montella cambierà modulo. Questa è una squadra che può giocare sempre così, oggi sono contento per quello che hanno fatto vedere i miei ragazzi. Occorre portare avanti più giocatori possibili. Le critiche piovute sul suo capo restano frettolose: il calciatore c'è, altroché se non c'è. Viceversa la strada verso la costruzione di una squadra è ancora molto lunga, e non aver vinto e convinto in coppa avrebbe messo ulteriore pressione a Montella, che mi pare di capire sia già nel mirino della società, pronta a sparare a ogni passo falso. "Ha fatto molto bene". Kessiè sta bene e gioca, il suo percorso non mi preoccupa per niente.

E' albanese il 24enne ucciso questa notte a Desio
I carabinieri di Desio e del Nucleo Investigativo di Monza, stanno lavorando incessantemente per ricostruire l'accaduto. La vittima, un albanese di cui non sono ancora state rese note le generalità, così come l'amico, risultano incensurati.

La scossa subita all'Olimpico ha avuto effetto e le remore di Montella sono state vinte dalle difficoltà incontrate, soprattutto a livello difensivo. "Mi aspetto subito una reazione da tutti", ha spiegato. Il loro valore lo vedremo nel tempo, ma sono sicuro che siamo nella giusta direzione. "Se teniamo questo trend arriviamo almeno secondi". "Nella difesa a tre è importante avere un mancino come Romagnoli". Per il portoghese sarà l'occasione di dimostrare che al di là dell'esplosione di Cutrone e l'affidabilità del croato, c'è un talento, quello arrivato dal Porto, che ha voglia di mettersi in gioco e ricavare il proprio spazio. Eppure, sottolinea la rosea, qualche volta potrebbero giocare insieme, magari in una partita più semplice, contro una piccola. Eppure c'è chi rischia di rimaner tagliato fuori dal nuovo schieramento, o comunque di essere tatticamente sacrificato: naturalmente parliamo dello spagnolo Suso per cui il vecchio 4-3-3 sembrava cadergli addosso a pennello, tutto il contrario del 3-5-2 che lo esclude dalla linea dei centrocampisti e lo costringe ad avanzare in un attacco in cui deve imparare a muoversi come una vera punta.

Comments