Nuovo testimone per omicidio Cucchi

Adjust Comment Print

"Non ha parlato prima - sottolinea durante una conferenza stampa in Senato - perché era in carcere, a Regina Coeli". La sua deposizione è importante. Un'occasione che, spiega la donna, "sarà una festa che si terrà il primo ottobre, la data di nascita di Stefano e non quella della morte, perché vogliamo ricordarlo con il sorriso sulle labbra". riproduzione riservata ®. "Descrive il clima in cui era costretto a vivere chi era depositario di una verità diversa da quella cosiddetta ufficiale, chi puntava il dito contro i carabinieri veniva additato, indagato, o addirittura rischiava la condanna per calunnia". Il teste in oggetto, avrebbe descritto uno "Stefano particolarmente in difficoltà fisiche, aggrappato alle sbarre che non riesce a reggersi in piedi, altro che lesioni dolose lievi". Così Fabio Anselmo, avvocato della famiglia Cucchi, nella conferenza stampa di presentazione del nuovo processo per la morte di Stefano Cucchi, al via il 13 ottobre, che vede imputati cinque uomini dell'Arma. "Il tema centrale del processo sarà ancora un'altra volta quello medico legale perché i fatti, rispetto a quello precedente, sono chiari. Pensiamo a quanti Stefano Cucchi non hanno avuto questa possibilità".

Questa la reazione di Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, subito dopo la decisione del rinvio a giudizio: "Finalmente i responsabili della morte di mio fratello, le stesse persone che per otto anni si sono nascoste dietro le loro divise, saranno chiamati a rispondere di quanto commesso".

Svolta in Arabia Saudita: patente ok anche per le donne
Un paese , l'Arabia Saudita , poco protagonista sui media internazionali ma spesso teatro di feroci distinzioni sessuali , ovviamente a danno del gentil sesso.

Svolta nel caso Cucchi e ad annunciarla è proprio il legale della famiglia del giovane trovato morto in carcere ad ottobre 2009.

Comments