Montella: "Siamo sulla strada giusta. Fiducia della società? Dopo la Samp…"

Adjust Comment Print

Per carità, anche uno come lui ha bisogno di tempo per inserirsi, per adattarsi, ma deve arrivare la svolta. Fosse cambiata una deviazione staremmo parlando di un'altra partita. Alisson il grande protagonista della prima gara di Champions League, poi è salito in cattedra Edin Dzeko con 6 gol in 4 gare.

Montella le augura buona fortuna da dopodomani...

Tra infortunati e giocatori che hanno trovato meno spazio: "Borini?". Mi supporta senza darmi suggerimenti o imposizioni.

L'immagine che ricorda di lui? Neri come preparatore? La scelta sarà solo dell'allenatore. Non l'ho visto, ma la classe non muore mai. Un vantaggio per la Roma? Hanno perso solo una partita, quindi c'è poco da dire. "Hanno cambiato molto ma mettendo dentro giocatori di livello tecnico e anche psicologico". Sarebbe pronto per un match cosi importante? No, siamo all'inizio, non sono preoccupato e se giocheremo così possiamo recuperare presto il nostro cammino. E allora, nonostante la vittoria, ecco la preoccupazione che fa capolino.

E' un discorso troppo ampio. Se siamo uniti, quest'attesa si dimezza, altrimenti ci vorrà più tempo. C'è davvero una grande sintonia, mi dà il suo supporto ma senza essere invasivo. Né la partita con il Rijeka, seppur vinta, rafforza di per sé la sua posizione, data la prestazione imbarazzante del reparto difensivo pressoché nella sua interezza. Ad esempio si va a Baku e si fanno 4 ore di viaggio. "Ci sono numerosi aspetti da valutare, puntare il dito su qualcuno è prematuro". So di essere valutato, nel modo di allenare e nella gestione del gruppo. "Non sono soddisfatto", ha puntualizzato il centrale alla vigilia della sfida con il Rijeka. La Roma concede più spazi di squadre medie italiane.

Questa è stata la cosa più positiva. E' giusto che chi ha responsabilità faccia dei ragionamenti.

Roma, El Shaarawy: "Dobbiamo ascoltare il mister. Io voglio il mondiale"
Il coefficiente emotivo si amplifica quando la squadra in casa non è l'Inter ma il Milan , come in questo caso. Secondo me la società ha fatto le sue scelte, ha rivoluzionato la squadra e ci è riuscita in maniera ottimale.

E' d'accordo con le parole di Manolas di ieri? "È un bel test ma ho voglia di giocarla perché sono convinto che dimostreremo le nostre qualità".

Cosa significa affrontare la Roma?

"Strano ritrovare la Roma senza Totti, molto strano". Ci sono dei ragazzi che passano dal sintetico al naturale, poi i campi pesanti. Errori simili contro Roma ed Inter (prossime avversarie del Milan in campionato) i rossoneri potrebbero pagarli ad un prezzo assai più caro e salato rispetto a quanto fatto nella serata di giovedì. Netto, poi, il giudizio su Radja Nainggolan. Secondo me bisogna andare più a fondo e sviscerare alcune situazioni. "Francesco è un numero uno in tutto, anche a carte". La partita di giovedì ha mostrato quello che serviva. La pazienza nel calcio?

La pazienza. "Novanti minuti disfano e costruiscono, ma io la rivolto a voi". Ancelotti è stato esonerato e mi dispiace, può accadere a tutti, ma è già stato accostato a 4-5 panchine.

"Saluto prima di tutto l'amico Eusebio, ci siamo incontrati tante volte".

Comments