Milan, Romagnoli: "Derby da vincere e spero di segnare ancora"

Adjust Comment Print

Senza dubbio ci vorrà un grande Milan, perché l'Inter ha dimostrato di essere una formazione competitiva. "Il Derby è una partita che si prepara da sola, spero di ripetere il gol della passata stagione". "E' un derby importantissimo per noi e siamo consapevoli di questo".

"Il cambio di modulo?" I tre hanno risposto alle domande dei tifosi rossoneri arrivati tramite Facebook e Milan Tv. "Quest'anno siamo fissi a tre in fase di possesso e in quattro o cinque in fase di non possesso". Mi ha insegnato molto con gli altri nazionali.

Domanda quiz, chi era stato l'ultimo difensore a segnare in un derby prima di Romagnoli e Zapata? "Mi dice di andare avanti, perché lui si stacca e va in copertura, è un grandissimo campione e si può solo imparare da lui".

"Tutte le partite importanti sono difficili, anche se in modo diverso". Ho ritenuto opportuno non operarmi, parlando con tanti specialisti. Mi sento bene e voglio esserci sicuramente domenica. "Ora penso di essere al 100 %, ho lavorato due settimane non andando in Nazionale". "Alex, anche se ci sono arrivato con qualche suggerimento (ride, ndr)". Il ricordo migliore da quando sono qui? "La Supercoppa di Doha e il gol nel Derby".

Roma, col Napoli Pellegrini ci sarà
L'obiettivo è questo senza soffermarsi troppo su quello che si è fatto anche perché nel calcio si fa presto a dimenticare. Con Daniele ci capita spesso di parlare, a volte mi consiglia di non andare con troppa fretta in avanti.

"Il derby è una partita importantissima e dovremo fare di tutto per vincere e convincere". Chi è il più duro da affrontare? Tanti italiani, l'unico straniero è Mauri. Il ragazzo ha una discreta ma migliorabile tecnica di base, una qualità nelle giocate che similmente al collega Milan Skrinjiar lo rendono elegante e grezzo allo stesso tempo.

Come marcare Andrè Silva: "Difficile marcare lui, così come Kalinic e Cutrone".

MUSACCHIO/ATTACCANTI AFFRONTATI - "Messi è il giocatore più forte che ho incontrato". Kalinic e Cutrone non mollano mai. Sanno muoversi bene, hanno una buona gestione della palla. Suso? È fenomenale, in allenamento è sempre molto complicato marcarlo. "Meglio averlo dalla nostra che contro". La Roma ha già vinto con noi purtroppo, l'Inter è un derby e la Juve è la squadra che comanda la Serie A da 7 anni.

I pericoli dell'Inter: "Mi ripeto, hanno una grande squadra con grandi giocatori in tutte le posizioni".

Comments