Isis, curdi annunciano: "Raqqa libera da jihadisti oggi o domani"

Adjust Comment Print

Secondo alcune fonti, l'accordo si sarebbe raggiunto proprio grazie la fuga di foreign fighters provenienti da Paesi occidentali, che è stata concessa dalle forze a maggioranza curda alleate degli Usa. Omar Alloush, membro del Consiglio civile di Raqqa, ha confermato che una buona percentuale degli stranieri, oggi, è partita grazie ad un accordo che permetteva loro l'evacuazione. In città c'erano anche almeno 100 mila civili.

La milizia siriana curda YPG ha dichiarato che la città di Raqqa sta per essere definitivamente liberata dai jihadisti. Stiamo parlando della città di Raqqa, e qui si stanno combattendo quelle che si sperano essere le ultime fasi di una lunga guerra che porterà alla liberazione della città, strappata così al controllo dell'Isis. Ormai scontata l'imminente caduta del bastione del Califfato, la priorità ora, specie per i governi europei, è capire chi vi sia tra i 275 jihadisti che la scorsa notte hanno potuto lasciare la città, accompagnati da circa 3.000 civili, in base ad un accordo tra le Sdf e l'Isis mediato dai capi dei clan tribali locali.

La casa brucia: donna muore lanciandosi nel vuoto
In attesa delle verifiche di agibilità , i residenti sono stati evacuati e gli è stato impedito di rientrare negli edifici. Tre persone, rimaste intossicate dai fumi, sono state ricoverate in ospedale ma le loro condizioni non sono gravi.

Abdulaziz Yunus, il portavoce delle Forze democratiche siriane, ha spiegato che l'offensiva nelle ultime settimane ha subito un rallentamento a causa della forte resistenza dei miliziani dell'Isis. Ma la guardia è alta anche perchè, come ha sottolineato Minniti, "questa diaspora di ritorno" si materializza in "fughe individuali" che "potrebbero utilizzare la stessa rotta dei trafficanti di esseri umani e quindi arrivare in Libia attraverso i confini meridionali".

Comments