Lavoro, Draghi: "Il Jobs Act ha creato quasi mezzo milione di occupati"

Adjust Comment Print

La politica monetaria accomodante garantita dalla Banca centrale europea offre ai governi della zona euro una finestra di opportunità per intraprendere riforme strutturali. Ad affermarlo è il presidente della Bce, Mario Draghi, nel corso di un intervento a Francoforte sulle 'riforme strutturali nell'area dell'euro'. "Il Jobs Act italiano del 2015 ad esempio è stato seguito da un aumento di quasi mezzo milione di occupati con un contratto di lavoro permanente, in gran parte perché i sussidi per le assunzioni hanno incoraggiato le aziende ad assumere nuove persone con i nuovi contratti open-ended", ovvero a tutele crescenti, ha concluso.

"Un certo numero di Paesi, negli ultimi anni, ha attuato riforme del mercato del lavoro che hanno contribuito a ridurre la disoccupazione. Queste riforme sembrano aver reso la disoccupazione più reattiva alla crescita". "Con una politica monetaria accomodante, abbiamo ora la possibilità di adottare queste misure". Le analisi della Bce, ha spiegato, non rilevano la presenza di prove che dimostrino che alti tassi di interesse portino a maggiori riforme.

La sua auto esplode: muore giornalista maltese ritenuta scomoda
Un caso che portò alle elezioni anticipate a giugno scorso, tuttavia vinte dal premier Muscat . Daphne Caruana Galizia viveva a Bidnija , a poca distanza dal luogo dell'esplosione .

Per il presidente della Bce le riforme "devono tener conto di equità ed efficienza".

Comments