Incendio in casa a Como: muore il padre, gravissimi quattro bambini

Adjust Comment Print

La tragedia è avvenuta a San Fermo della Battaglia, alle porte di Como, nella mattina del 20 ottobre.

Un marocchino di 49 anni perde il lavoro e dà fuoco alla sua casa e muore i nsieme a tre dei suoi quattro figli.

A perdere la vita sono stati un uomo di nazionalità marocchina e le sue tre piccole bimbe, ma in condizioni gravissime in ospedale è ricoverata la quarta sorella.

Vecino: "Punto importante, con sofferenza. Queste partite ci danno consapevolezza"
Va bene così, pensiamo subito alla partita di martedì che ci potrebbe portare in testa alla classifica. Le parate di Handanovic? Siamo in un percorso di crescita, stiamo facendo bene ma dobbiamo migliorare.

La bambina, 5 anni, è morta. Era stata trasportata lì dopo essere stata rianimata all'ospedale di Cantù. Dopo oltre due ore di tentativi di rianimazione sembra che una delle femmine, quella di 6 anni, si sia salvata. Non appena ha appreso della notizia della morte di due figlie è stata trasferita all'ospedale Sant'Anna di San Fermo della Battaglia per essere controllata e assistita. La donna, infatti, era in cura in un centro di assistenza psichiatrica in via Napoleona a Como. I bambini erano tutti nati in Italia. L'amministrazione comunale ha tenuto a fornire alcune precisazioni.

Da tempo non portava più i figli (Siff, Saphina, Sahar e Sophia) a scuola perché, come aveva spiegato, non aveva i soldi nemmeno per iscriverli e, probabilmente, l'uomo era terrorizzato dall'idea che gli assistenti sociali glieli avrebbero allontanati. Gli inquirenti stanno vagliando anche un'eventuale motivazione dolosa. Il Comune ha messo a disposizione i supporti necessari all'assistenza scolastica per agevolare la frequenza dei minori, quali la mensa gratuita e i servizi di diurnato pomeridiano. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità. Da settembre 2017 i bambini non sono più tornati a scuola.

Comments