Speranza di vita più lunga, pensione a 67 anni

Adjust Comment Print

A 65 anni arriva a 20,7 anni per il totale dei residenti, allungandosi di cinque mesi rispetto a quella registrata nel 2013.

Il governo ha deciso infatti che non sarà eliminato l'adeguamento automatico.

"IN PENSIONE A 67 ANNI" - Sulla base delle regole attuali, l'età per la pensione di vecchiaia aumenterà dunque a 67 anni nel 2019 (attualmente è di 66 anni e 7 mesi).

L'aspettativa di vita sale a 82,8 anniGrazie alle migliorate condizioni di sopravvivenza, secondo l'Istat la speranza di vita ha "completamente recuperato terreno dai livelli del 2015" quando si registrò l'eccesso di mortalità.

Barbagallo ricorda che in Italia "ci si lamenta per il basso livello e la precarietà dell'occupazione giovanile".

Architetto di 50 anni trovato morto in strada: "Ha il cranio sfondato"
Il corpo dell'uomo, ritrovato a poca distanza dalla sua auto (posta sotto sequestro), presentava una profonda ferita sul cranio. Il sostituto procuratore di turno ha già disposto l'autopsia, che dovrebbe essere eseguita nella giornata di lunedi.

Per il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, "è indispensabile fermare la follia di un automatismo perverso che porta, senza che se ne conosca il metodo di calcolo, a peggiorare periodicamente l'età pensionabile dei lavoratori". "Chiediamo comunque di bloccare l'automatismo che prevede nel 2019 l'innalzamento di cinque mesi dell'età pensionabile di vecchiaia e l'aumento di cinque mesi dei contributi necessari per la pensione anticipata". Damiano auspica inoltre che "la decisione sull'aumento dell'età pensionabile sia rinviata a giugno del 2018".

La speranza di vita alla nascita risulta come di consueto piu' elevata per le donne, 85 anni, ma il vantaggio nei confronti degli uomini, 80,6 anni, si limita a 4,5 anni di vita in piu'. A tale età - prosegue l'Istat - la prospettiva di vita ulteriore presenta una differenza meno marcata tra uomini e donne (rispettivamente 19,1 e 22,3 anni) che alla nascita. Gli italiani più longevi vivono in Trentino Alto Adige mentre quelli meno longevi in Campania.

Rispetto a 40 anni fa, si legge ancora, la probabilita' di morire nel primo anno di vita si e' abbattuta di oltre sette volte, mentre quella di morire a 65 anni di eta' si e' piu' che dimezzata.

Gli indicatori Istat sono positivi, dopo la battuta d'arresto del 2015, anche per quanto riguarda il tasso di mortalità. L'istituto di statistica ha aggiunto che nel 2016 si è registrato un calo dei decessi pari al 5%.

Comments