Insulti razzisti, chiusa l'indagine Figc: ora Lotito e la Lazio rischiano

Adjust Comment Print

Il premio per la frase del giorno va a Renzo Ulivieri, per trascorsi politici e profilo intellettuale assai distante da Claudio Lotito. È come pensare che il giudice sportivo voglia squalificare i seggiolini e non chi c'è seduto.

La procura della Figc guidata da Giuseppe Pecoraro ha chiuso questa mattina le indagini. Il caso degli adesivi con Anna Frank in maglietta giallorossa lasciati da alcuni tifosi laziali nella curva tradizionalmente occupata dai tifosi della roma ha mosso le procure. 11, macchiandosi di "comportamento discriminatorio".

I tempi per emettere i deferimenti ed eventualmente andare a processo sono stretti. Al presidente Lotito e alla Lazio vengono contestate la violazione della lealtà sportiva e responsabilità per comportamenti discriminatori. Siamo sicuri sia disposto a rischiare? Dunque, almeno per questo filone, molto probabilmente si andrà a processo, col rischio di subire uno o più turni a porte chiuse.

Banca d'Italia: Gentiloni conferma Visco
Quel che è certo è che tutta la vicenda, compresa la evidente distanza fra Renzi e Gentiloni, si è svolta alla luce del sole, davanti agli italiani.

E Lotito ora rischia una squalifica.

Allo stesso tempo il numero uno del calcio italiano, che sottolinea il buon risultato ottenuto con l'iniziativa di far leggere un passo del diario di Anna Frank prima delle partite giocate mercoledì, precisa che il presidente, la federazione e la lega "non erano stati informati" dell'iniziativa decisa dal club biancoceleste per la partita contro il Cagliari. E "pur avendolo appreso dai giornali, non avremmo potuto fare un "processo alle intenzioni". Per Tavecchio "ogni provvedimento che tenda ad eludere una sanzione è censurabile": chiara presa di distanza dalla decisione di Lotito.

Sul fronte penale, salgono a 20 le persone identificate dalla polizia per gli adesivi antisemiti grazie alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza. Al momento, degli iscritti nel registro degli indagati per istigazione all'odio razziale sei fanno parte degli Irriducibili.

Comments