Dj Fabo, al via processo a Cappato: in aula intervista choc

Adjust Comment Print

Info - Si è aperto in Corte d'Assise a Milano il processo a Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Luca Coscioni, imputato per aiuto al suicidio per la morte in una clinica svizzera di Fabiano Antoniani, dj Fabo.

Per i pm Tiziana Siciliano e Sara Arduini, Cappato avrebbe semplicemente aiutato una persona ad esercitare il diritto di morire con dignità, ma per Cappato è arrivata l'imputazione coatta disposta dal gip Luigi Gargiulo. Dopo l'imputazione coatta la decisione di Cappato è stata quella di andare direttamente a processo con rito immediato saltando l'udienza preliminare.

Davanti al tribunale i Radicali hanno organizzato un presidio per manifestare la loro solidarietà a Cappato: "Marco oggi rischia 12 anni di carcere per aver affermato da radicale con la sua disobbedienza civile un diritto inalienabile che il Parlamento italiano si ostina a negare a milioni di italiani, cioè il diritto di decidere come vivere la propria vita fino alla fine", è il messaggio che accompagna la protesta. "Questo sarebbe comunque un risultato positivo".

MotoGp: Rossi: "Il mio futuro? Deciderò l'anno prossimo"
Questo marchio fa parte della mia vita insieme abbiamo condiviso tante gare e molte vittorie. Hanno analizzato i dati, hanno delle idee, delle cose da provare.

L'esponente dell'Associazione Luca Coscioni per cui la Procura aveva chiesto l'archiviazione poi impugnata, è pronto ad esporsi ad ogni conseguenza: "Mi sono autodenunciato perchè ci deve essere un'assunzione di responsabilità".

"Per una legge sul fine vita sono anche disposto a farmi condannare", ha dichiarato il radicale.

Il filmato integrale (tutto il 'girato' dell'intervista, mai mostrato prima) dello scorso gennaio verrà proiettato in aula davanti ai giudici togati e popolari in una delle due udienze già fissate per il 4 e il 13 dicembre, in cui saranno anche sentiti tutti i testimoni. Così i Radicali Italiani si mobilitano a sostegno di Marco Cappato nel giorno della prima udienza del processo che lo vede imputato con l'accusa di aiuto al suicidio per aver accompagnato Fabiano Antoniani, noto come Dj Fabo, dall'Italia alla Svizzera dove ha ottenuto il suicidio assistito. La sentenza, verosimilmente, è attesa entro metà febbraio.

Comments