Duplice omicidio di Pordenone, Ruotolo condannato all'ergastolo

Adjust Comment Print

Il 28enne di Somma Vesuviana è stato condannato all'ergastolo con due anni di isolamento diurno. Giosuè Ruotolo dovrà scontare i primi due anni in isolamento diurno.

Trifone e Teresa sono stati brutalmente uccisi a colpi di pistola.

Ruotolo si è sempre detto innocente spiegando che era in zona per andare a correre e che poi aveva rinunciato. Al termine dell'istruttoria dibattimentale e di due giorni di requisitoria i difensori di Ruotolo avevano chiesto l'assoluzione dell'imputato sostenendo che si trattava di un processo esclusivamente indiziario. Alle sue spalle il padre e il fratello.

Grande Fratello Vip: Corinne Clery deve abbandonare la casa
Corinne Clery , prima di abbandonare la casa, si è sfilata inaspettatamente gli slip in corridoio. Ci sono stata due mesi, è più il tempo che sono qui dentro che quello che ho passato con lui.

In aula c'erano anche i familiari delle vittime. "Avere la condanna della giustizia umana non redime, per redimersi ci si deve convertire", ha detto la mamma di Trifone Ragone, Eleonora: "Non è vero che Giosuè non ha detto una parola su Trifone". La difesa aveva puntato sull'assenza del movente, ma è stata scalzata dal fatto che, viceversa, non siano emersi elementi che abbiano scagionato Ruotolo. I genitori di Teresa Costanza, papà Rosario e mamma Carmelina Parello, lo dicono con un filo di voce "ringraziando le istituzioni", all'esito della sentenza della Corte d'assise di Udine. Trifone era visto a tutti gli effetti come un nemico e Ruotolo non poteva sopportare di assistere alla felice relazione insieme a Teresa.

Giosuè Ruotolo non ha mai dichiarato quali fossero i reali motivi che l'hanno spinto a compiere il delitto di Pordenone... Hanno parlato di un processo mediatico e con testimoni non attendibili che hanno adattato le loro versioni "a quello che leggevano sui giornali o sentivano alla televisione".

Comments