Formula 1: GP Brasile, un venerdì di libere da... insaziabiLewis

Adjust Comment Print

Due sessioni di prove libere a Interlagos hanno confermato la leadership delle Mercedes e di Lewis Hamilton in questo finale di stagione di Formula 1, che domenica propone il Gp del Brasile. L'inglese, che ha mostrato anche un grande ritmo sul passo gara con gomma soft inavvicinabile per la concorrenza, ha preceduto la Mercedes gemella di Valtteri Bottas per soli 48 millesimi.

Nessun riposo: Hamilton più in forma che mai.

Alle spalle delle due Mercedes si piazza la Red Bull di Daniel Ricciardo, lontano oltre due decimi.

In questa immagine possiamo farvi vedere come in Red Bull, invece di ricercare la prestazione vera e propria, stiano facendo dei test, con il diffusore di Max Verstappen inondato di vernice fluo, con l'intento di valutare il moto dell'aria in quella zona per dei riscontri di tipo aerodinamico. L'australiano fa meglio della Ferrari di Vettel, che chiude in quarta posizione con un ritardo di +0.360. L'olandese ha svolto anche delle prove aerodinamiche girando con il diffusore che era stato spalmato di vernice flow viz. Domani sarà certamente più temibile di quanto non sia stato oggi. Terzo tempo, invece, per la Ferrari di Kimi Raikkonen: il finlandese, finito sul podio nelle ultime due uscite, vuole riscattare una stagione non troppo positiva dimostrando, sulla pista che lo incoronò campione del mondo nel 2007, di poter ancora essere importante alla causa.

Duplice omicidio di Pordenone, Ruotolo condannato all'ergastolo
Giosuè Ruotolo non ha mai dichiarato quali fossero i reali motivi che l'hanno spinto a compiere il delitto di Pordenone ... Ruotolo si è sempre detto innocente spiegando che era in zona per andare a correre e che poi aveva rinunciato.

Fuori dalla top ten sono finiti Carlos Sainz con la Renault, Sergio Perez che non aveva girato nel primo turno di libere per lasciare la sua VJM10 all'ottimo George Russell, campione di GP3.

Qualche errore di troppo in curva 11, protagonisti Marcus Ericsson con la Sauber e Stoffel Vandoorne con la Mclaren.

Doveva girare anche Antonio Giovinazzi con la Haas, ma il team ha preferito far scendere in pista il titolare Kevin Magnussen, dato che nel pomeriggio potrebbe arrivare la pioggia.

Comments