È morto Ray Lovelock, l'attore anglo-italiano de "La Piovra" e "Don Matteo"

Adjust Comment Print

L'anno seguente, la sua popolarità aumenta, viene infatti scritturato per il lungometraggio Banditi a Milano diretto da Carlo Lizzani. Esordì al cinema nel 1967, ad appena 17 anni, nel cult western Se sei vivo spara di Giulio Questi.

Raynold Lovelock era nato a Roma. Ma il cinema è la sua grande passione e qui si scava una nicchia di culto come investigatore di ferro, capace di usare le maniere forti ma anche di ragionare e scoprire i colpevoli nella stagione d'oro del poliziottesco all'italiana. Seguirono 'Milano odia: la polizia non può sparare', 'Squadra volante', 'Roma violenta' e 'Uomini si nasce, poliziotti si muore'. Ray amava più di tutti il lavoro di recitazione all'interno dei polizieschi. I ruoli più importanti sono però per il piccolo schermo: lo abbiamo ammirato in "A viso coperto", "La Piovra 5", "Caterina e le sue figlie", "Commesse", "Incantesimo", e "Don Matteo".

Ed ancora: Il coraggio di Anna (1992), Delitti privati (1993), Mamma per caso del 1997 (al fianco di Raffaella Carrà), Dove comincia il sole e A due passi dal cielo.

Si è spento all'età di 67 anni l'attore Ray (Raymond) Lovelock; la notizia, è stata data dal fratello Andrea che all'agenzia di stampa Ansa ha riferito: "aveva un tumore che ha combattutì coraggiosamente, ma negli ultimi due mesi le sue condizioni si erano aggravate".

Palermo, cambio al vertice: Giammarva è il nuovo presidente
Tra le altre cose, Giovanni Giammarva è genero di Maria Falcone , la sorella del magistrato assassinato dalla mafia nel '92. Se dovessimo cedere può darsi che chi sarà il nuovo proprietario vorrà anche essere il presidente.

Altre fiction nelle quali recita sono "Turbo" e "Ricominciare", una soap opera.

Ray Lovelock approda come attore in tv nel 1980, nello sceneggiato La casa rossa, di Luigi Perelli. Lascia la moglie Gioia e la figlia Francesca Romana, oltre al nipotino Thomas e i fratelli Michael e appunto Andrea.

I funerali si terranno sabato alle 14.30 nel duomo di Trevi.

Comments