MotoGP, qualifiche Valencia: Marquez conquista la pole, Dovizioso costretto a rincorrere

Adjust Comment Print

Per Marquez spiccano in particolare le ben quattro pole position consecutive dal Sachsenring fino a Silverstone, dopo la doppietta Argentina-Usa ad inizio stagione e prima della pole di Phillip Island, nella gara che probabilmente ha deciso il Mondiale; più distribuite le pole per Maverick Vinales (in Qatar grazie ai tempi delle libere, visto che le qualifiche furono annullate a Losail), anche se con un pesante buco estivo, dato che a Misano Vinales ha spezzato un digiuno che era cominciato dopo il Mugello (l'Italia porta bene a Maverick), prima di fare doppietta in Aragona.

Dopo un nono posto in qualifica cosa ti aspetti dalla gara?

Duplice omicidio di Pordenone, Ruotolo condannato all'ergastolo
Giosuè Ruotolo non ha mai dichiarato quali fossero i reali motivi che l'hanno spinto a compiere il delitto di Pordenone ... Ruotolo si è sempre detto innocente spiegando che era in zona per andare a correre e che poi aveva rinunciato.

Questa mattina i piloti sono scesi in pista in una giornata di sole ma con temperature piuttosto rigide (12 gradi sia l'aria che l'asfalto) e, al termine del turno di FP1, Dovizioso si è classificato al quarto posto mentre Pirro e Lorenzo hanno chiuso rispettivamente in undicesima e dodicesima posizione. Lo seguono Jack Miller, Valentino Rossi e Andrea Iannone. Io e Jorge non siamo i più veloci, in realtà le due Honda hanno qualche decimo di margine sul passo. Aleix Espargarò è rimasto ai box, forte della sua prima posizione, in attesa della fine delle Q1, mentre nel frattempo Crutchlow è caduto rovinosamente alla curva 10 ed è corso ai box per tentare il cambio moto nei tre minuti finali, senza però riuscire nell'impresa. La parola fine non è ancora stata scritta. In particolare questo weekend sinora è il migliore dell'anno per l'ex Ducati, che spera di coronarlo con una grande prestazione anche domani.

In Suzuki Andrea Iannone ha trovato una moto particolarmente nervosa, che offre poca stabilità all'anteriore, ma nelle ultime uscite il team nipponico sembra aver risolto gran parte dei problemi. Settimo Michele Pirro che precede Andrea Dovizioso, a oltre sette decimi dal leader del Mondiale Marquez.

Comments