Salvator Mundi di Leonardo venduto a 450 milioni di dollari

Adjust Comment Print

Ha battuto ogni record il "Salvator Mundi" di Leonardo da Vinci (1452 - 1519), venduto all'asta da Christie's la sera del 15 novembre 2017. Lui aveva già scacciato i mercanti "dal" tempio; stavolta gli verrebbe da scacciare i mercanti "del" tempio. La cifra - 450,3 milioni di dollari con i diritti d'asta - ha più che doppiato il precedente record in asta di 179,4 milioni di dollari, fissato nel 2015 dalla vendita di un quadro di Picasso, le 'Donne di Algeri'. Certo, accadeva prima che l'opera venisse attribuita a Leonardo da Vinci, appena sei anni fa. Il Salvator Mundi davinciano è diventata così l'opera d'arte dal costo più elevato nel mondo.

L'opera di Leonardo è apparsa in asta durante la Post-War and Contemporary Art Evening Sale di Christie's e questo incredibile prezzo riflette l'estrema rarità dei dipinti del maestro.

Ad aggiudicarsi l'opera, un collezionista non identificato che ha condotto la sua offerta via telefono per tramite di Alex Rotter, co-direttore della sezione di arte contemporanea di Sotheby's. Si tratta, come scrivono gli organizzatori, dell'unico dipinto attribuito a Leonardo da Vinci che non appartiene ad una collezione di musei.

L'opera è stata esposta insieme alle "60 Ultima Cena" di Andy Warhol che è stata venduta per 56 milioni di dollari.

GF Vip 2: Cecilia Rodriguez contro Luca Onestini, lite nella notte
Stupida non me lo dici, e se lo dici ti alzi e chiedi scusa . "Io sono fatto così, è un mio limite, però sono fatto così". Le effusioni della coppia più chiacchierata della casa non sono state l'unico argomento di discussione della settimana.

Il Salvator Mundi, definito anche la Gioconda al maschile da alcuni esperti, raffigura un Gesù Cristo dallo sguardo enigmatico: con una mano sembra benedire, mentre con l'altra regge un globo.

Il dipinto, su una tavola di legno da 65,5x45 centimetri, sarebbe stato realizzato da Leonardo a Milano nel 1499.

La storia del Salvator Mundi in realtà è molto complessa, neanche l'attribuzione a Leonardo e' universalmente accettata, anche se Christie's ha insistito sull'autenticità della tela.

Al momento non si sa nulla su chi sia l'acquirente del quadro ma solo che al termine dei rilanci erano rimasti in due a duellare per accaparrarselo.

Comments