Morte della brasiliana nel sottopasso a Roma, la procura ferma un uomo

Adjust Comment Print

Il mattino seguente, il corpo della 49enne brasiliana è stato ritrovato nudo, riverso a terra, in una pozza di sangue, la testa fracassata dai colpi, gli abiti ammucchiati nelle vicinanze insieme a una borsa nella quale non c'era alcun documento.

C'è un fermo per la morte di Norma Maria Moreira da Silva, la brasiliana senza fissa dimora trovata morta nel sottopasso di piazzale della Croce Rossa a Roma. L'indagato oggi ha reso interrogatorio davanti ai magistrati. Questa mattina è stato prelevato dagli agenti che lo hanno portato in procura. Il pubblico ministero Silvia Santucci, deciso a far luce sulla vicenda, ha disposto l'esame autoptico che verrà eseguito nelle prossime ore. Lo aveva detto due giorni fa, ritrattando subito dopo e avvalendosi della facoltà di non rispondere davanti al pm. Proprio per questo e per non lasciare nulla di intentato, gli inquirenti hanno già dato il via all'audizione di tutte quelle persone che conoscevano Norma, nel tentativo di ricostruire le sue ultime ore di vita. Si tratterebbe di un uomo, un italiano, che messo alle strette dai carabinieri in un primo momento avrebbe ammesso "Sì, sono stato io", per poi ritrattare. Insomma, Papi si è giustificato dicendo che non la voleva uccidere.

Senato: "Il canto degli italiani" di Mameli è inno nazionale
Goffredo Mameli scrisse "Il canto degli Italiani " il 10 settembre 1847 , Michele Novaro lo musicò il 24 novembre dello stesso anno.

Su A.P. grava l'accusa di omicidio volontario.

Comments