Oggi l'autopsia di Riina, poi la salma in Sicilia

Adjust Comment Print

Ecco come il paese d'origine di Totò Riina reagisce alla morte del boss. Ieri, nel giorno del suo 87esimo compleanno, il figlio Giuseppe Salvatore, che ha scontato una pena di 8 anni per mafia, ha pubblicato un post di auguri su FB per il padre. Hanno dovuto attendere la fine dell'autopsia, poi hanno reso omaggio al familiare nelle camere mortuarie dell'ospedale, dove era ricoverato da dicembre 2015, nel reparto detenuti. Forse voi non avete capito. "Questo è scandalismo", ha sbottato l'avvocato Luca Cianferoni, per poi parlare, in una nota inviata quando era da poco entrato all'obitorio, di un'aggressione da parte dei media, riservandosi di presentare esposti. Ma c'è sempre qualcuno che, incalzato, risponde: "Riina era un galantuomo, perché non sa fare del male". "Là c'è un cadavere, ve ne dovete andare, questa non è stampa". Conclusa la visita, Ninetta Bagarella, vedova di Riina, ed i figli Salvo e Maria Concetta sono saliti in auto, senza rilasciare alcuna dichiarazione, per lasciare l'ospedale di Parma. Viste le condizioni disperate del detenuto, i familiari avevano ottenuto il permesso straordinario di ritrovarsi al suo capezzale, concesso dal ministro della Giustizia Andrea Orlando. E' rimasta a Corleone la moglie, Ninetta Bagarella. "Noi siamo gente di campagna e non seguiamo queste cose".

Gomorra - La Serie: le anticipazioni della terza stagione
Malamò e Genny si accusano a vicenda, eppure devono collaborare perché ciò che conta è trovare l'Immortale e vendicare la morte del boss.

La figlia Maria Concetta ha lanciato un messaggio, ancora una volta scegliendo Facebook come formidabile grancassa: una rosa nera, un volto femminile che si porta sulle labbra l'indice su cui spicca la scritta: shhh.

Comments