Senato, torna oggi in Aula il biotestamento: si allontana ok ius soli

Adjust Comment Print

La discussione generale sul fine vita è fissata per le 16,30 di oggi. Decisione approvata in tarda serata nonostante Romani e FdL avessero chiesto invece di esaminare prima la riforma sul Regolamento del Senato, invertendo, in pratica, l'ordine del calendario.

"Non si tratta di accontentarci, io penso ai cittadini italiani, dei quali centinaia di migliaia hanno un problema di ius soli e altri hanno un problema di biotestamento".

Il presidente del Senato Pietro Grasso è stato di parola: la legge sul biotestamento approda oggi in aula a Palazzo Madama. È questa la decisione della Conferenza di Capigruppo di Palazzo Madama che ha inserito al primo punto del calendario dei lavori dell'Aula l'esame del ddl sul biotestamento. "Lo discuteranno il giorno del mai... ed io ne sono contento" - ha dichiarato ai giornalisti presenti. Dopo più di un'ora di dibattito sulle proposte di modifica (bocciate) al calendario d'aula deciso dalla Capigruppo, in Senato si è avviato l'esame sulla legge per il testamento biologico.

Читайте также: Bossari e l'alcool: parla Filippa Lagerback dopo le rivelazioni di Daniele

Il biotestamento, che è stato approvato dalla Camera nell'aprile scorso, attribuisce in sostanza al paziente il diritto di rifiutare l'accanimento terapeutico. Il calendario, che non ha avuto l'unanimità, dovrà ora essere votato dall'aula. 3, invece, è quello che più direttamente riguarderebbe il fine vita, sancendo che "ogni persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di una eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso disposizioni anticipate di trattamento, esprimere le proprie convinzioni e preferenze in materia di trattamenti sanitari, nonchè il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali".

"La stagione riformista nel campo dei diritti, dalle unioni civili ai diritti sociali, è stata molto intensa e può concludersi con altrettanti successi". Possono acquisire la cittadinanza anche i minori stranieri che abbiano frequentato regolarmente un percorso scolastico per almeno cinque anni nel territorio nazionale.

При любом использовании материалов сайта и дочерних проектов, гиперссылка на обязательна.
«» 2007 - 2017 Copyright.
Автоматизированное извлечение информации сайта запрещено.

Код для вставки в блог

Comments