Milan, Gattuso: "I nuovi al di sotto delle loro possibilità"

Adjust Comment Print

Per la classifica non conta nulla, ma a livello mentale ci serve come il pane un risultato importante - spiega il tecnico rossonero -.

Sulla questione dei carichi di lavoro più pesanti: "Dopo il Torino il Milan è la squadra che in A corre meno di tutti". Non è un alibi, ma dobbiamo andare piano piano. "Il Milan è stato beffato crudelmente a Benevento, dove c'èchi ha vinto di goleada e chi di strettissima misura propriocome stavano facendo i rossoneri fino al 94' - si legge nelcommento agli articoli di giornale all'interno della consuetarassegna stampa pubblicata sul sito del Milan -".

C'è chi usa il fioretto e chi la sciabola, chi gradisce una mentalità ideale ed eterea e chi invece punta sulla concretezza. E tornano così d'attualità i dubbi sulla duttilità di Suso: superbo calciatore nella propria comfort zone ma lento nell'adattarsi alle novità e quindi di difficile collocazione tattica in un calcio sempre più fluido.

Italia, Ancelotti: "Nazionale? No, voglio un club"
Perché siamo l'unico paese in Europa che non ha stadi all'altezza? Con 230 milioni ne compri uno forte forte, non di più. Quando cambi tanto occorrono tempo, pazienza e perseveranza.

"Dai giocatori - chiude Gattuso - mi aspetto di vedere una squadra che sappia soffrire, che abbia voglia". L'età media è di 21 anni, però voglio senso di appartenenza nei momenti di difficoltà. Voglio una squadra che sia consapevole di essere forte, anche se dobbiamo migliorare tanto. Il Milan ha già conquistato il primo posto nel girone la trasferta di Fiume sul campo del Rijeka vale poco più di un'amichevole. Rispecchia il carattere del proprio allenatore e dei tifosi. Da parte mia non c'è nessun regalo. Non è al 100%, giovedì giocherà come giocherà Locatelli.

Parlando di Biglia, 'Ringhio' ha colto l'occasione per 'strigliare' i nuovi acquisti, colpevoli di non avere ancora dato il massimo: "Biglia deve migliorare dal punto di vista fisico". E' evidente che non siamo brillanti. Sperem, lo dico in lombardo. Spazio a chi ha giocato di meno in questa stagione, fatta eccezione per Alessio Romagnoli che in campionato dovrà scontare la squalifica. "È tranquillo e sa che può dare tanto, come ci possono dare tanto tutti i giocatori che abbiamo a disposizione". La società prova a guardare avanti: "Che il gol di Brignoli spazzasse via tutto il resto, era da mettere in conto".

Comments