E' morto Lando Fiorini, ultima grande voce della canzone romana

Adjust Comment Print

"Mancherà molto non solo a tutti noi romani ma anche a tutti coloro che amano Roma". L'artista era nato il il 27 gennaio 1938 nella capitale da una famiglia di Trastevere. La famiglia era modesta, i figli erano otto, la casa in vicolo del Cinque troppo stretta.

A Modena Lando Fiorini ha trascorso tutta l'infanzia e buona parte dell'adolescenza: nel creare il suo personaggio emergono molti dettagli del suo passato che ne evidenziano le qualità artistiche.

È qui che Lando Fiorini scopre di avere del talento nel canto e all'inizio degli anni Sessanta partecipa con successo al Cantagiro, conquistando il terzo posto dopo Celentano e Don Backy. Lando Fiorini era molto noto soprattutto al panorama romano ma anche al resto d'Italia per aver interpretato i grandi successi della canzone tradizionale romana. La sua Ciumachella de Trastevere piace al pubblico, lo spettacolo va in tounée negli Stati Uniti e Fiorini diventa, per gli americani, "il nuovo Claudio Villa". Poi il successo e la decisione fortunata di aprire un locale di cabaret il Puff, 1968 nella storica via Dei Salumi, sempre a Trastevere, dove ha lanciato anche tanti importanti colleghi, da Enrico Montesano a Lino Banfi, Leo Gullotta, D'Angelo, Mattioli.

Una carriera lunghissima dopo il Rugantino partecipando a programmi radio, varietà televisivi e film.

Frizzi, ritorno in tv dopo il malore: "Dal 15 conduco L'Eredità"
E poi il fratello Carlo Conti per tutto! Il conduttore, subito trasportato in clinica, è rientrato a casa alcuni giorni fa. Noi tre siamo molto legati, facciamo lo stesso mestiere e ci vogliamo bene , abbiamo sofferto tanto e ci siamo preoccupati.

Roma e la Roma sono in lutto per la morte di Lando Fiorini. In carriera ha pubblicato una trentina di album, e poi cofanetti, antologie.

Da tempo Fiorini combatteva contro la malattia.

Gli anni successivi sono caratterizzati da diverse esibizioni in televisione, che lo hanno visto protagonista di numerosi spettacoli. "Come diceva Checco Durante, fate del bene che la vita è breve, c'è più gioia ner da' che ner riceve".

Comments