Renzi: "Il Pd avrà un alleato di centro e uno di sinistra"

Adjust Comment Print

In un'intervista data a Repubblica, il segretario del PD Matteo Renzi ha negato che il suo partito si alleerà con Silvio Berlusconi dopo le elezioni politiche.

E sulla campagna elettorale e sulle alleanze, sostiene: "Chi vuole starci è il benvenuto e avrà pari dignità". "A Reggio Emilia come Pd - aggiunge - per dire che noi siamo il partito che rispetta il Tricolore, nato in quella città" ma "a Reggio Emilia come Pd per ricordare il passato, come abbiamo fatto qualche settimana fa presso la casa dei Fratelli Cervi, ma anche per ricordarci del futuro, pensando a Reggio Children e alla grande battaglia per la scuola dell'infanzia e le nuove sfide educative". Il problema degli alleati del Pd - che non si pone per "Più Europa", ma per le "ali" della coalizione - è che stare al confine a destra o a sinistra significa subire una doppia concorrenza: da un lato (ex Campo progressista) quella del partito di Grasso - che ha un programma più di sinistra e un'impronta antirenziana - e quella del Pd, che non può "donare sangue" ai partiti minori; dall'altro (Ap) la scelta fra una rappresentanza "di testimonianza" con Renzi e un posto in un centrodestra che sembra molto più accogliente e vasto. Negli ultimi temi, infatti, Calenda non ha risparmiato critiche rispetto all'operato di Renzi, scavando un solco tra i due.

La campagna elettorale di Matteo Renzi prenderà il via a Reggio Emilia il 16 dicembre.

"Gerusalemme capitale", scontri a Gaza e Betlemme
Le fonti riferiscono che finora sono stati trattati 250 feriti dai medici. Poco prima nella zona erano risuonate le sirene di allarme anti missili.

Chiamare in causa Di Battista, dà a Renzi l'opportunità di attaccare il Movimento Cinquestelle. In questa campagna elettorale sembra un passante. Appena possono tuffarsi in un complotto - vero o presunto - gli uomini del Blog sono felicissimi. Non mi preoccupa la dimensione politica delle fake news. "Il nostro obiettivo è l'Italia".

Così Twitter, solitamente luogo di polemiche fini a se stesse, diventa un veicolo per fare un passo avanti a superare le divisioni. A noi interessa l'Italia. "Io non contesto ciò che Berlusconi ha fatto, contesto cio' che Berlusconi non ha fatto".

Comments