Siria, Putin: vittoria su ISIS, ritiro truppe russe e ritorno rifugiati

Adjust Comment Print

L'accordo per permettere alle compagnie interessate di riprendere i collegamenti tra i due Paesi è arrivato in occasione di un incontro, nelle ore scorse al Cairo, tra i presidenti Vladimir Putin e Abdel Fattah al-Sisi che, tra le altre questioni, hanno anche trattato il tema dell'interruzione dei voli tra i due Paesi.

Se i terroristi "alzeranno la testa" di nuovo in Siria, la Russia li colpirà "come non hanno mai visto prima".

"Negli ultimi due anni, le forze armate russe e l'esercito siriano hanno sconfitto il gruppo più combattivo dei terroristi internazionali".

Sarri: "Prestazione confortante, li abbiamo messi sotto. Stanchi? Mentalmente…"
Sui tempi di recupero di Insigne: " Martedì faremo di nuovo il punto con o staff medico, visto che ora sta lavorando con loro ". Per il resto stanno giocando: Zielinski ha gli stessi minuti di Allan , Diawara qualcuno in meno di Jorginho .

Secondo il leader del Cremlino, in Siria ormai esisterebbero "i presupposti per una soluzione politica sotto l'egida Onu".

"Ho ordinato al ministro della Difesa e al capo di Stato maggiore di ritirare le truppe dalla Siria", ha dichiarato Putin. A questo proposito - ha proseguito Putin - ho preso una decisione: "una parte considerevole del contingente russo schierato nella repubblica araba siriana tornerà a casa, in Russia". Il Centro russo per la riconciliazione della Siria, ha aggiunto, proseguirà il suo lavoro e Mosca continuerà ad usare la base aerea di Khmeimim, oltre al porto siriano di Tartus, che fornisce supporto logistico alla Marina russa. Hmeimin, così come la base di Tartus, rimarranno operative anche dopo la fine del conflitto.

La Russia inizierà a ritirare le truppe militari dalla Siria.

Comments