L'ex Lugano Zeman: "Mi ero dimesso..."

Adjust Comment Print

Il clamoroso retroscena è svelato dal diretto interessato alla vigilia del match contro il Novara.

"Mi ero dimesso a settembre, a mercato chiuso. - aveva rivelato il boemo - Avevo fatto una lista di giocatori da tenere e cedere ma non si è fatto nulla". "Avevo offerte da Real e Barcellona, ma non ho rimorsi; alla fine mi basta che France Football mi abbia inserito tra i 30 allenatori più importanti della storia". "La squadra, a parte nel finale di primo tempo, si è poi anche svegliata un po' e ha cercato di costruire anche qualche cosa ma ritengo che quello di questa sera sia stato il primo tempo più negativo di tutta la mia gestione". Con il presidente Sebastiani sto benissimo a cena a tavola, ma abbiamo punti di vista diversi sul calcio, lo vediamo in maniera completamente opposta. Il rapporto con lo spogliatoio? "A questo gruppo manca fame di vittorie, qui vorrebbero un allenatore amico, non hanno capito che io sono qui per lavorare". Poi ancora occasioni per il Pescara al 35' sempre con Brugman, che sbaglia di poco la mira da buona posizione e 41' lo stesso giocatore, incontenibile oggi, si fa fermare da Montipò il pallone del 2-0 in una classica azione di contropiede.

Schick: "Non voglio deludere, obiettivo scudetto. Ho legato tanto con Dzeko perché…"
Non lo so, sono migliorato tanto, ma non è facile iniziare dopo due mesi fermo. "Devo ancora lavorare ma ora sto meglio". Sono attaccante quindi il mio obiettivo è fare gol, quindi quando gioco voglio fare gol , è questo il mio obiettivo.

Il solito Zeman, non disposto a scendere a compromessi per far valere le proprie idee.

Comments