Lecce - Sciopero dei lavoratori della Distribuzione, adesioni al 25-30%

Adjust Comment Print

Oltre a puntare il dito sulle aziende, sia tra quelle aderenti a Federdistribuzione che tra le cooperative, Pellegrini ribadisce le ragioni di uno sciopero proclamato per rivendicare il diritto a un contratto che i lavoratori attendono da quattro anni.

"Speriamo di creare qualche disagio" commenta Fabrizio Tassinati, Filcams-Cgil, che rivela come Coop abbia fatto delle pressioni ai dipendenti perché non facessero sciopero: "lasciando intendere di non rinnovare il contratto ai dipendenti, di non garantirgli il posto nel negozio dove sono ora e di dargli una valutazione negativa nella pagella, ovvero di non pagare il premio produzione". I lavoratori della distribuzione cooperativa continuano a subire un progressivo peggioramento delle condizioni di lavoro. I lavoratori reggini sono stati gli unici ad astenersi dal lavoro nella nostra regione.

"Un successo: con picchi del 90% delle adesioni alla protesta".

Filippine, affonda traghetto con 251 persone: "Almeno 4 morti"
Un traghetto con a bordo 251 persone è naufragato al largo delle coste di Manila , la capitale delle Filippine . Gli incidenti in barca sono relativamente comuni nelle Filippine , dove si verificano spesso tempeste.

A preoccupare i lavoratori delle Coop, il rinnovo del Contratto Nazionale della Cooperazione scaduto ugualmente da quattro anni, per il quale "le cooperative pretendono di trovare una mediazione tutta sbilanciata a favore delle imprese, partendo da un insostenibile arretramento dell'attuale disciplina del trattamento di malattia". "Noi continueremo ad opporci a un sistema che vuole la riduzione dei diritti e delle tutele di questi lavoratori e non ammettiamo fughe in avanti da parte di nessuno, convinti come siamo che lapplicazione dei contratti collettivi nazionali da parte delle aziende e il riconoscimento dei relativi trattamenti economici e normativi sia un obbligo che non può essere messo in discussione". La crisi di questo settore poggia tutta sulle spalle dei dipendenti, è l'accusa di Filcams.

Così Coop commenta la notizia dello sciopero che coinvolgerà anche l'Abruzzo. I sindacati chiedono sostegno e solidarietà nei confronti dei lavoratori, che potrà manifestarsi, spiegano, non andando a fare la spesa il 22 dicembre nei punti vendita di Unicoop Tirreno, Unicoop Firenze, Coop Centro Italia, Carrefour, Coin, Decathlon, Despar, Esselunga, Ikea, Leroy Merlin, Metro, OVS, Upim, Zara.

Comments