Inter-Lazio, Spalletti alla vigilia: "Bisogna essere abituati agli 'spaventatori professionisti'"

Adjust Comment Print

"Sarà anche Icardi contro Immobile, si contenderanno il titolo di capocannoniere". I dati ci dicono che abbiamo le soluzioni. Abbiamo fatto tutto da noi e da noi, solo noi dovremo trovare la soluzione. I tifosi dell'Inter, mi sembra che lo stanno facendo. I tifosi dell'Inter lo fann da soli, se non sbaglio supereremo 60 mila anche domani, sono loro che hanno in mano e in testa la soluzione. "Nessuno può darci la chiave di volta, dico solo che sapendo di essere forti non potremo mai andare in difficoltà se non lo vogliamo noi". Per reagire occorre energia e osservando i dati che mi forniscono non posso essere pessimista. Si deve avviare un processo vero, reale e riconoscibile che ci accompagni fino in fondo. Noi non possiamo essere pessimisti, perché ai pessimisti non ho mai visto portare a casa dei risultati. In questo tragitto ci siamo detti delle cose, abbiamo numeri che supportano le cose che diciamo. Visto che questa squadra ha fatto cose eccezionali prima, diventa facile ora andare a trovare qualche difficoltà. Ora bisogna lavorare in maniera mirata e più individuale, il che è più proficuo della mano dura. Questo sparare nel mucchio, se c'è qualcuno in difficoltà si cerca di aiutarlo. "Sono un po' caratteristiche su cui bisogna metterci mano per completare perché completare si può". Poi me lo potete domandare in 2000 presentazioni diverse, però il succo è questo. Se fossimo arrivati a questo punto con due sconfitte con Napoli e Juve e poi magari avessimo fatto 4 punti in queste ultime due giornate, la percezione del nostro campionato sarebbe stata differente. Sono tutti attenti e vogliosi. Luciano Spalletti, ha fiducia nella sua squadra, ed è convinto che una vittoria metterebbe alle spalle il mese difficile affrontato: "Dobbiamo vincere una partita". Sento di Lazio e Roma eccezionali, delle altre due extraterrestri.

Cosa ha detto al gruppo durante questa settimana: "Si cerca di portargli dei dati di fatto che analizzino ciò che è accaduto".

Cancelo alto e Candreva spostato più verso il centro: possibile? Mi dispiace che gli siano capitati palloni da buttare dentro senza sfruttarli. "Di conseguenza nessuno può tirarci fuori da questo momento". Abbiamo a che fare con degli spaventatori professionisti. Farei un passo indietro, ovvero rafforzerei le nostre convinzioni, non cercare soluzioni nuove.

Bloomberg Billionaires Index: Jeff Bezos più ricco di Bill Gates
Solo 177esimo, invece, Silvio Berlusconi con "soli" 8,49 miliardi di dollari (diminuito di 12,6 miliardi). E nell'elenco degli italiani più ricchi non mancano di certo Giorgio Armani e Paolo Rocca.

Quella di domani tra Inter e Lazio sarà una partita molto importante ai fini della classifica. "Ma io rimango con i miei calciatori, sto con i calciatori che alleno". Hanno le qualità che è quello per arrivare ad un lavoro programmato in maniera corretta. Obiettivi? Che vuol dire obiettivi? "Dobbiamo lavorare in maniera corretta per un lungo periodo". Chi ha un sistema, che tutti i giorni ha mini traguardi, fa quello la somma dell'annata. - "Quello non scadrà mai, ci sono delle situazioni nel calcio che non ti vanno". Lì si inizia ad abbassare il livello. Se un giocatore fa un passaggio timido, tutti diventano timidi perché oggi si prendere il verso di come va quella cosa. E' dappertutto, crea la fisicità, ogni tanto nella verticalizzazione improvvisa concede. E i giocatori la pensano come me. In alcuni momenti è stato al di sotto delle sue potenzialità, ma non c'è niente di strano nei suoi confronti. Non deve avere paura per non sciogliersi come successo negli scorsi anni. "Si, lo è, Antonio ha fatto vedere di sapere ipotizzare anche quel ruolo". Tiene il muso? Butta via del tempo, danneggia sé stesso. E possibilmente viene anche chi pare a noi. Dobbiamo perforare questo duro che stiamo trovando in questo momento. "Non ci sono procuratori, altre società.se noi si ritiene giusto, si fa quello che si ritiene corretto". Joao Mario? "Joao ha una correttezza esagerata nel mondo di frequentare lo spogliatoio e di allenarsi". I giocatori della Lazio sono bravi in fase offensiva quando perdi palla, ribaltano l'azione a campo aperto. Se invece fai un contrasto forte, si prende tutti la forma di essere più duri e forti. L'applicazione fa la differenza e lui comunque si è allenato bene.

" Ora dobbiamo aver bene chiaro chi siamo e da dove veniamo".

Comments