Addio a Marina Ripa di Meana

Adjust Comment Print

Marina Ripa di Meana è morta dopo aver combattuto per diversi anni contro un cancro che lentamente la stava uccidendo.

Era un personaggio tv ma anche una sostenitrice dei diritti degli animali.

Negli Anni Duemila manifesta per la salvaguardia della zona del Pincio a Roma, contro la chiusura dello storico ospedale romano di San Giacomo e torna a posare nuda per raccogliere fondi per la ricerca sul cancro. Nata a Reggio Calabria 76 anni fa, combatteva ormai da 16 anni con un male incurabile. Non si terranno riti funebri in sua memoria, come da sua richiesta. Nota per il forte legame avuto con Bettino Craxi, che continuerà a frequentare anche durante la latitanza di questo a Hammamet. "Dopo Natale - dice Marina - le mie condizioni di salute sono precipitate". Forse non tutti sanno che l'ultima "conversione" politica di Marina fu per il Partito animalista di Michela Vittoria Brambilla: "Ha fatto cose importanti per gli animali - riconosceva lo scorso maggio, in una esondante intervista a La Zanzara -".

Marina Ripa di Meana, il ricordo: "La mia Roma degli anni Cinquanta" "Il ricordo più lontano è la finestra della mia camera che dava su viale Parioli, erano gli anni 50".

Isernia, bimba di 18 mesi intossicata dall'hashish: non si svegliava più
In tarda mattinata erano in casa, come hanno raccontato agli agenti della Squadra mobile. La bimba aveva probabilmente ingerito la droga senza che i familiari se ne accorgessero.

Dagli anni Novanta ha partecipato a svariate campagne contro lo sterminio dei cuccioli delle foche, contro l'uso per moda e vanità delle pelli e delle pellicce, contro le corride, contro gli esperimenti nucleari francesi nell'atollo di Mururoa. Era il 1996 e la sua foto con le braccia incrociate e la scritta "l'unica pelliccia che non mi vergogno d'indossare" fece enorme scalpore, non solo in Italia.

Brillante ed effervescente come sempre, si scagliò contro le "terapie degli affabulatori" e a favore della ricerca scientifica "che sta andando molto avanti".

In qualche modo, infatti, tutti noi abbiamo sempre avuto in Marina un personaggio di riferimento, a cui molti si sono anche affezionati ed a cui altri hanno fatto riferimento come simbolo di lotte in cui loro stessi hanno creduto ed in cui credono tuttora.

Comments