Sacchetti biodegradabili da casa purché siano monouso

Adjust Comment Print

In quanto - "Il riutilizzo dei sacchetti determinerebbe infatti il rischio di contaminazioni batteriche con situazioni problematiche". È l'interpretazione che darà il ministero della Salute nei prossimi giorni. E Ruocco non solo si produce in uno sproloquio ipersalutista, ma addirittura passa la patata bollente della vigilanza ai dettaglianti, trasformandoli in poliziotti: "Il titolare dell'esercizio commerciale ha ovviamente la facoltà di verificare l'idoneità dei sacchetti monouso introdotti". "Appare evidente che si tratta di una operazione-trasparenza voluta dal Parlamento unanime". Cosi' il ministro dell'Ambiente, Gian Luca Galletti, intervistato su 'Repubblica' a proposito dei sacchetti bio a pagamento per frutta e verdura. Riguardo alla possibilità per i consumatori di portare i sacchetti per l'ortofrutta da casa (risparmiando la spesa per i loro acquisto), il ministero dell'Ambiente "ritiene che sul punto la competenza a valutarne la legittimità e la conformità alle normative igienico-alimentari spetti al ministero della Salute". "Oggi - prosegue Galletti - noi siamo orgogliosi del lavoro fatto per gli italiani e per l'ambiente e d'essere apripista in Europa e nel mondo in questo settore". "Quello che chiediamo ai ministeri è più semplificazione e più chiarezza".

Su Twitter, però, l'utente Enrico scrive: "E niente... anche se non prendi i sacchetti biodegradabili perché compri 1 pezzo unico, te lo fanno pagare". Il Codacons - che aveva già definito l'operazione avviata dal Governo come una "tassa occulta sulla spesa" -, ha già presentato in 104 Procure un esposto contro i sacchetti biodegradabili a pagamento.

Si getta in mare dopo una lite, dispersa
Un uomo che ha assistito alla scena si è gettato a sua volta tra le gelide acque del mare ma non è riuscito a raggiungere la donna.

Un portavoce della commissione Ue ha chiarito, in ogni caso, che la direttiva del 2015 sulle buste di plastica punta a ridurne l'uso assicurando che non vengano fornite gratis nei punti di vendita, ma non parla del riuso, un problema su cui prevale l'aspetto sanitario. Il rischio di contaminazione di verdura non ancora lavata, e quindi non consumabile direttamente, è irrisorio rispetto al problema che crea questa applicazione paracula delle regole. "Che, lo ricordiamo, in larga misura sono favorevoli ai nuovi sacchetti biodegradabili".

Comments