Nomine in Campidoglio, anche Marra va a processo

Adjust Comment Print

Andrà a processo l'ex braccio destro della sindaca Raggi, Raffaele Marra, accusato di abuso d'ufficio per la nomina (poi revocata) di suo fratello Renato a capo del dipartimento Turismo del Campidoglio. Il processo al 20 aprile 2018.

Raffaele Marra è accusato di abuso d'ufficio: per la nomina di suo fratello Renato che fu promosso da vigile urbano graduato a capo del dipartimento Turismo del Comune con un incremento di stipendio pari a 20 mila euro. Il fatto è stato poi smentito dalle chat tra la sindaca e l'ex capo del personale, nelle quali Raggi rimproverava il suo stretto collaboratore per averla "messa in imbarazzo" per aver scelto il fratello Renato senza consultarla.

Raggi accusata di falso, ha chiesto il giudizio immediato e per lei il processo è stato fissato al prossimo 21 giugno davanti al giudice monocratico.

Raoul Bova in lutto per l'improvvisa scomparsa del papà
L'attore in queste settimane è in tournée teatrale assieme alla sua compagna di set Chiara Francini , con lo spettacolo "Due" . Tuttavia, proprio per via di questo improvviso lutto, le due tappe sono state sospese e rinviate a data da destinarsi.

Non ci sarebbero solo dubbi sugli atti che sono stati predisposti da Raffaele Marra, ma appare strano che "l'istruttoria sulle nomine di oltre 1500 candidati sia stata fatta dalla Sindaca in un periodo in cui - fa notare l'Anac - la stessa era in viaggio di rappresentanza in Polonia".

Nel frattempo, il Comune di Roma, nel procedimento su Marra, non si è costituito parte civile. L'ex capo del personale del Campidoglio è accusato di essersi adoperato affinché il fratello venisse promosso. Raffaele Marra, invece, è già a giudizio per corruzione insieme all'imprenditore Sergio Scarpellini.

La sindaca di Roma, che si è sempre detta sicura della propria innocenza, ha infatti chiesto e ottenuto il rito immediato dopo che i pm Paolo Ielo e Francesco Dall'Olio avevano stracciato l'accusa di abuso di ufficio per "mancanza dell'elemento soggettivo del reato". Alla base le conizioni di salute gravissime di Scarpellini risultate anche da una perizia medica.

Comments