La Ferrari sceglie il russo Kvyat come collaudatore

Adjust Comment Print

Kvyat vanta alle spalle 72 Gran Premi nel circus, il primo nel 2014 alla Toro Rosso dove diventa a 19 anni, grazie al nono posto in Australia, il pilota più giovane di sempre ad andare a punti in Formula Uno. Una nota scarna, diffusa sui canali social della Scuderia, per dire dell'ingaggio del russo, che ha respirato aria di Red Bull fino al 2016, prima della retrocessione per far posto a Verstappen. Caratteristiche che di certo non sono sfuggite all'occhio vigile della Ferrari, la quale si è assicurata probabilmente la migliore scelta disponibile per andare a ricoprire un ruolo che nel recente passato era stato occupato anche da Jean-Eric Vergne, soprattutto in virtù dei preziosi feedback che il russo potrà portare dalla conoscenza del simulatore Red Bull.

La Ferrari accoglie Daniil Kvyat a Maranello.

Vale Rossi, i portinai gli fanno causa
La motivazione? Pagamento degli arretrati , per un valore complessivo, compresi i risarcimenti, di 114 mila euro. A Natale 2016, però, la società è stata sciolta ed i custodi licenziati .

Antonio Giovinazzi, di recente ha disputato un test a Marrakesh con una vettura di Formula E per DS, il che potrebbe aprirgli la possibilità di disputare qualche gara nella categoria dedicata ad vetture elettriche, oltre ad una sua partecipazione al WEC con una vettura LMP1. Lavorerà al simulatore per provare assetti e soluzioni tecniche destinate alle monoposto di Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen.

Comments