Renzi esclude larghe intese, Berlusconi ha fallito prova governo

Adjust Comment Print

Una delle ultime dispute riguarda il Jobs act; se vincerà le elezioni, Silvio Berlusconi le abolirà "perché è stata solo un'iniezione per i contratti provvisori".

Berlusconi ha anche osservato che, in special modo sull'occupazione giovanile, "si tratta di lavoro a termine".

Renzi sposta l'obiettivo: "Il problema - insiste a Circo Massimo - non è rivedere le tipologie contrattuali ma creare una rete di protezione che ti possa dare una mano, fare formazione". "Un milione di posti di lavoro promessi da lui, li abbiamo realizzati noi". "Berlusconi alla prova del governo ha fallito". Se Berlusconi vuole cancellare il Jobs Act, e io sono d'accordo, è la dimostrazione più chiara che il Jobs Act ha fallito perché ha peggiorato le condizioni di vita, i diritti dei lavoratori e aumentato il precariato.

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

Il segretario del Pd, ospite di Radio Capital, ha attaccato il leader di FI, assicurando che non ci saranno mai larghe intese con l'ex Cavaliere.

La campagna elettorale verso le elezioni del prossimo 4 marzo entra nel vivo (qui lo speciale elettorale) con una sfida a distanza che ha visto contrapposti due dei principali competitor: il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi e il segretario del Pd Matteo Renzi. Berlusconi intervistato su Radio Uno ha annunciato il programma elettorale del Centrodestra punterà sull'abolizione del Jobs Act e sulla eliminazione della riforma Fornero, e la riforma della tassazione con l'introduzione della flat tax. Il Pd punta a tornare a Palazzo Chigi, non alla guida di Agicom. "Non mi interessa in questo momento stare sul canone ma mi interessa che se si paga tutti si paga meno", aggiunge. Avete una passione per i rapporti tra Pd e Berlusconi. "Grillo e Berlusconi, invece, hanno una relazione complicata con l'evasione fiscale...".

Matteo Renzi non ha lesinato attacchi verso il candidato premier del Movimento 5 stelle accusando Luigi Di Maio, dopo il dietrofront pentastellato sul tema dell'uscita dall'euro, di parlare di cose che "semplicemente non conosce". Rivendico il tentativo istituzionale di fare riforme insieme. "C'era persino un'agenzia fuori sul fatto che quella riforma si sarebbe fatta", ha risposto. "L'accordo si basava sull'impegno di una trasformazione istituzionale".

Comments