Tunisia: terza notte di scontri e il premier accusa il Fronte popolare

Adjust Comment Print

In quest'ultima città è stata data alle fiamme la caserma di polizia, mentre non è chiaro se la bottiglia molotov lanciata contro la storica sinagoga della Ghriba sull'isola di Djerba, meta di pellegrinaggio e luogo in cui è custodita una copia antichissima della Torah, sia stata lanciata da manifestanti o più probabilmente se si sia trattato di un attentato portato a termine da due uomini figgiti in moto, come rivelano sui social i manifestanti ed ora diverse fonti giornalistiche. Gomme bruciate, sassaiole e dall'altra parte le forze dell'ordine che rispondono con i lacrimogeni. In molti casi le unità dell'esercito hanno affiancato quelle della polizia al fine di tutelare beni ed edifici pubblici. Il bilancio finale è stato di 21 agenti di polizia feriti, 10 autoveicoli delle forze dell'ordine danneggiati e 328 persone arrestate. Tra queste, nel governatorato settentrionale di Beja, ci sarebbero anche due estremisti islamici della corrente takfirista. Il premier tunisino, Youssef Chahed, ha detto ieri che le violenze di questi giorni sarebbero dirette da "reti criminali di corrotti e contrabbandieri che agiscono nell'interesse di alcune parti politiche dalle quali sarebbero istigate". Il potente sindacato Unione Generale dei Lavoratori tunisini (Ugtt), che in quei giorni svolse un ruolo importante, ha esortato aderenti e simpatizzanti a partecipare in massa alla manifestazione prevista domenica prossima in centro a Tunisi.

Le circostanze della sua morte sono controverse: secondo alcuni manifestanti citati dai media locali, l'uomo è deceduto dopo essere stato investito da un'auto della polizia; ma il ministero dell'Interno ha respinto ogni coinvolgimento degli agenti, riferendo che l'uomo soffriva di problemi respiratori e che è stata comunque disposta l'autopsia.

Rifiuti:Comune, qualcuno specula su Roma
In totale sono circa 60 i siti che in tutta Italia (dalla Lombardia, all'Emilia Romagna all'Abruzzo) accolgono l'immondizia prodotta nella Capitale.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Comments