Figc, Sibilia candidato alla presidenza: adesso è ufficiale

Adjust Comment Print

Non c'è accordo su una candidatura unica, di fatto ogni lega cerca di smarcarsi, di presentare un proprio uomo. Se oggi andassimo al voto, credo che la Lega Dilettanti abbia un vantaggio. I due parlano per quasi due ore dentro l'albergo sulla Magliana, che ospita le elezioni della Lega Nazionale dilettanti (LND), per valutare la possibilità di un accordo.

Il Presidente Gravina, che ha presentato il programma, ha illustrato ai club la sua piattaforma programmatica.

Gravina, il candidato della Lega Pro.

Il presidente della Lega di Serie C, Gabriele Gravina, è intervenuto in diretta a Radio Sportiva sulle elezioni Figc. Gli altri per raggiungerla dovrebbero fare delle aggregazioni e non mi pare che in tal senso ci possano essere delle indicazioni, fermo restando che sono disponibile a discuterne. Sono stati riconfermati Giancarlo Abete e Stefano Rosso.

Paolo Gentiloni attacca Virginia Raggi: "A Roma scarsa efficienza"
Non è tardata ad arrivare la replica di Virginia Raggi alle dichiarazioni di Paolo Gentiloni al lancio della Costituente per Roma .

Cosimo Sibilia, candidato alla presidenza Figc. La discussione non è personale, va ricercata tra le componenti. Vuole coinvolgere i campioni che hanno scritto la storia azzurra (Baggio, Totti, Buffon) per aiutare il movimento a migliorare e scommette sulla creazione delle squadre B per valorizzare i giovani talenti. Ma secondo i conti del presidente della Lazio, anche la maggioranza della B potrebbe candidarlo. In più di qualche caso, i club arrivano a chiedere soldi ai giocatori per spezzare il vincolo e in tanti smettono.

"L'assemblea ha votato all'unanimità la mia piattaforma programmatica alla candidatura alla presidenza federale". L'incontro si è svolto presso l'Holiday Inn di Roma. Ognuno ha ribadito le proprie posizioni. "Può mettersi a disposizione, ma non certo del ruolo di presidente federale". Parlare di Ancelotti, uno dei primi nomi per il post-Ventura, o di Roberto Mancini, che sarebbe onorato di sedere sulla panchina azzurra e lasciare San Pietroburgo, è prematuro. Noi ce la metteremo tutta: la meta non è un luogo, ma un nuovo modo di vedere le cose.

"Noi diamo rispetto a tutti ma vogliamo il rispetto di tutti". Da tempo, sentivamo la necessità di una novità forte e innovativa come quando un anno fa presentammo il sistema di rating per il calcio italiano.

Comments