Berlusconi: "Il M5S è una pericolosa setta guidata da un vecchio comico"

Adjust Comment Print

Oggi si è verificato un caso che ricorda quello del 1994 da vicino: c'è in campo formazione populista, ribellista, pauperista, quasi più pericolosa dei post comunisti del 1994. Ieri Renzi, oggi Berlusconi, da Barbara D'Urso, che come a tutti da' del tu, "Silvio" (non sarebbe piaciuta a Montanelli, che quando un collega gli chiese se poteva dargli del tu, rispose "Faccia come crede"), ha messo il suo sigillo: "il M5S e' più pericoloso dei comunisti nel '94".

I Cinque stelle? Sono "quasi una setta che prende ordini da un vecchio comico e dal figlio di uno sconosciuto di un socio defunto, cambiano parere da mattina a sera, capaci di seguire qualsiasi idea". E poi, aggiunge Berlusconi, "potrebbero portare al governo i peggiori rappresentanti della magistratura militante". I pentastellati, secondo l'ex premier, "porterebbero l'Italia verso un vero disastro", imponendo "una morsa letale sul ceto medio, con un'imposta di successione vicina al 50% e con un'imposta patrimoniale".

Il leader forzista si è mostrato pronto a indossare nuovamente i panni del venditore di sogni.

L'ex tronista Luca Onestini e Ivana Mrazova stanno insieme
Moglie e mamma tuttofare, ama viaggiare e praticare sport ma, soprattutto, è un'appassionata di televisione. Quanto detto ha fatto sì che Luca Onestini e Francesco Monte diventassero amici .

"Pensioni minime a 1.000 euro e reddito dignità" - "Aumenteremo tutte le pensioni minime a 1.000 euro al mese", ribadisce Berlusconi parlando dei primi provvedimenti che il centrodestra approverà qualora arrivasse al governo. "Daremo questa pensione anche alle mamme che non hanno mai versato i contributi". Una situazione che garantirebbe anche "più entrate e fare sì che lo Stato possa quindi aiutare i cittadini rimasti indietro. Se queste donne percepiscono un reddito di 700 euro, lo Stato verserà la differenza tra 700 e 1550 euro", ha promesso. Programmi sì, nomi no. Berlusconi infatti nell'intervista glissa sul nodo della candidatura alla presidenza della Regione Lazio dove, per il momento, continua a resistere il sindaco di Amatrice Sergio Pirozzi. "Semplice: "[.] facendo funzionare l'economia e creando nuovi posti di lavoro". Dove è stata applicata ha dato risultati straordinari. La povertà è qualcosa che va cancellata. "Bisogna applicare certe formule di governo, e al governo non devono andare politici di professione ma persone capaci che abbiano dimostrato di saper raggiungere risultati difficili".

Il padrone dell'azienda decide quindi di lasciare lo studio con una "frase shock": "In questa situazione non andare a votare sia come suicidarsi". Ci sono questi signori che pensano di non andare a votare ma se a causa della loro assenza dalle urne vincessero" i 5s "si troverebbero tasse altissime. "È nel loro preciso interesse, per non dare l'Italia non solo a chi non è preparato ma che porta invidia e odio verso chi è ricco".

Comments