Michele Pirro in sella alla Ducati anche nel 2018

Adjust Comment Print

In questa stagione però ci sarà un cambiamento molto più grande anche sul fronte Ducati, che permetterà al binomio Lorenzo-Ducati di essere molto più competitivo. Evento in diretta streaming per appassionati e tifosi e via il sipario dalle nuove Rosse che, nelle mani vice campione del mondo in carica Andrea Dovizioso e il cinque volte iridato Jorge Lorenzo, saranno chiamate a lottare contro i migliori, a partire dal binomio Marquez-Honda che alla fine della passata stagione ha portato a casa il quarto mondiale in cinque anni. Ducati ha lavorato tanto per darmi una moto che si avvicini al mio stile e siamo pronti per il Mondiale, penso che in questo momento ci siano la squadra e la moto per vincere e vogliamo continuare a crescere: "nel 2018 vogliamo divertirci tanto". Alle mie spalle c'è un test team che lavora davvero bene, sono "dietro le quinte" ma fanno molto per noi.

Il rosso, ovviamente, ma anche il grigio.

Stiamo parlando di una nuova tecnologia che è al vaglio delle autorità europee, perché con iQOS le "sigarette" (ma è improprio chiamarle ancora così) non producono fumo, cenere, né odore fastidioso, perché il tabacco non viene bruciato, ma scaldato.

Nel 2018 si parlerà moltissimo di "mercato": come la vedi? Ognuno dei due chiaramente vuole battere l'altro ma il gruppo di lavoro è coeso per quanto riguarda l'obiettivo finale di Ducati. Non sarà importate quest'anno cercare l'innovazione a tutti i costi, lo sarà invece essere rigorosi nei test e scegliere solo le evoluzioni che ci daranno un valore aggiunto.

È un Andrea Dovizioso forse nel pieno della propria maturazione tecnica e fisica quello che si appresta a vivere al stagione 2018.

Al disgelo tra le due Coree s'affaccia anche Trump
Ma il dialogo per la denuclearizzazione del regime di Kim è ancora aperto. Resta però da sciogliere un nodo", ha detto il presidente.

Ducati ti stimola o ti mette pressione? "Il mio sogno sarebbe non solo vincere il Mondiale, ma farlo con la moto migliore sulla griglia".

"È ancora presto per rispondere a questa domanda - ha esordito l'ingegnere- ci sono delle idee, che sono state valutate al simulatore, però a volte la simulazione non rispecchia la realtà. Siamo sempre più vicini al traguardo".

Nel tuo box arriva Alex Debon: che ruolo avrà? Per questo motivo credo che se sarà in grado di stare davanti...

Si può ipotizzare un inizio 2018 subito da protagonista?

MotoGp, presentata la Ducati: le parole dei piloti - "Vorrei restare in Ducati perchè credo nel progetto, vogliamo vincere il Mondiale. In uno sport così individuale come il motociclismo è difficile avere una buona relazione, ma il nostro rapporto è buono". Dovizioso ha realizzato un 2017 strepitoso, oltre ad un'ultima parte del 2016 molto solida. "Tempo per me per adattarmi meglio alla moto e alla squadra per migliorare i punti deboli della moto".

Comments