Incidente in ditta, 2 operai morti a Milano

Adjust Comment Print

Sono stati trasportati in codice rosso negli ospedali San Raffaele e Sacco di Milano e San Gerardo di Monza. I soccorritori del 118 - arrivati sul posto con tredici mezzi - hanno infatti trovato tutti gli operai svenuti e quattro di loro in arresto cardiaco. Secondo quanto accertato dai carabinieri, sarebbero rimasti intossicati dai gas durante le operazioni di pulizia del forno che si trova a circa due metri di profondità. Stavano svolgendo operazioni definite di routine. Dall'Areu si segnalano altri tre ricoverati in codice giallo, di cui due dipendenti dell'azienda e un vigile del fuoco. Tra gli altri dai ministri Giuliano Poletti e Maurizio Martina, dal segretario della Cisl Annamaria Furlan, dalla Cgil, dalla Fiom nazionale. Potrebbe trattarsi di una intossicazione, ma la dinamica e' da chiarire. Per confederazione e categoria "il tema della sicurezza deve essere prioritario anche nella contrattazione, nel confronto con le associazioni datoriali e nell'attività istituzionale".

Tre operai sono morti a causa di un grave incidente sul lavoro a Milano, in via Rho, all'interno dell'azienda Lamina, che si occupa della produzione di acciaio e titanio.

Perché il Governo di Accordo Nazionale in Libia è illegittimo
Inoltre, la tratta degli schiavi e il traffico di esseri umani stanno fiorendo sotto il Governo di Accordo Nazionale della Libia. Nell'ottobre 2015 Sarraj è stato sorprendentemente nominato come candidato al posto del capo di un nuovo governo libico.

"Dal 1949 siamo specializzati nella produzione per laminazione a freddo di nastri di alta precisione in acciaio e Titanio". Le autorita' facciano piena luce. Un mese fa hanno fatto anche i controlli ai sensori. "Per tutti". Così il vice ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti, Riccardo Nencini, in visita proprio in queste ore a Milano. Oggi pomeriggio i quattro operai - italiani di 43, 49, 58 e 62 anni - avevano il compito di pulirlo dai residui di lavorazione ma poco dopo aver iniziato il lavoro, intorno alle 16.50, sono stati avvolti dalle esalazioni tossiche. Sono morti quasi subito. Penso allo strazio delle famiglie dei due operai deceduti e porgo loro le mie umili condoglianze. Cgil e Fiom Nazionale "Non si può continuare a morire di lavoro". Lo ha scritto su Facebook la vicepresidente e deputata milanese delPd, Barbara Pollastrini.

Comments