Mafia cinese, arresti in tutta Europa

Adjust Comment Print

Complessivamente sono una cinquantina gli indagati nell'indagine, denominata 'China truck'.

Zhang è stato sorpreso dai poliziotti all'alba nel suo appartamento, all'interno di un condominio in viale Marconi. L'organizzazione criminale ha affermato la propria supremazia assoggettando aziende di connazionali operanti nello stesso settore a Prato, Roma, Padova, Milano, Parigi, Neuss (Germania), Madrid. A scriverlo è la Direzione nazionale antimafia nella relazione che ha presentato a febbraio dello scorso anno. La base operativa dell'organizzazione era a Prato. Un'operazione di polizia, proprio in queste ore, sta effettuando in varie città italiane e di paesi Ue diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere - finora 33 - e una serie di provvedimenti nei confronti di soggetti appartenenti, secondo le indagini, ad un'organizzazione mafiosa che agiva in Italia e in vari paesi europei.

Mafia cinese a Roma!

Brooke 260 Double R
L'auto ha la capacità di passare da 0 a 100 km/h in soli 3,2 secondi, una performance eccellente per questo tipo di auto. Questo la colloca nella categoria delle vetture super-leggere come tutte le altre vetture sportive della stessa categoria.

"Il capo sono io", ripeteva continuamente Zhang nelle intercettazioni telefoniche e ambientali condotte per lungo tempo dagli investigatori.

Trentatré persone sono state arrestate dalla polizia al termine di un blitz contro la mafia cinese.

Il procedimento penale parla chiaramente di associazione di stampo mafioso, ma ci sono anche accuse di riciclaggio, intestazione fittizia e molteplici reati tributari. Egemonia nel campo della logistica imposta con metodi mafiosi ed alimentata da attività criminali come estorsione, usura, controllo del gioco, della prostituzione, dello spaccio di stupefacenti.

Comments