D'Alema: "Non partecipo a criminalizzazione M5S, più preoccupante deriva neofascista della Lega"

Adjust Comment Print

Lo ha detto Massimo D'Alema, ospite di a "In mezz'ora in più" su Raitre. "Proprio perchè" sulla legge elettorale "si è fatto un pasticcio, dopo le elezioni occorre seguire una prassi costituzionale corretta".

"Se non ci fosse una maggioranza politica allora spetta al Presidente della Repubblica presentare una soluzione che metta tutti davanti alle loro responsabilità". Queste le sue parole, riportate da Repubblica: "Se nessuno vince, il presidente della Repubblica sceglie la personalità che raccoglie il maggior consenso possibile". "Dipenderà dagli italiani, dal risultato elettorale".

Isola dei famosi 2018, partenza turbolenta per i naufraghi
Nello specifico, Nadia avrebbe obiettato con la produzione su uno dei bagagli della Cipriani che, a differenza degli altri, mostrava dei loghi.

"Non partecipo alla criminalizzazione del M5S perché è senz'altro più preoccupante la deriva neofascista della Lega".

"!Questa legge è un obbrobrio - spiega D'Alema - lo diceva anche la Bonino che ora però cerca voti con quella legge. Mi dispiace per Emma, che stimo e rispetto, siamo anche amici, ma la sua è stata una scelta che io fatico a capire".

Comments