Fmi rivede al rialzo crescita Italia, ma Lagarde avverte: non compiacersi troppo

Adjust Comment Print

La crescita globale è in accelerazione dal 2016 e "tutti i segnali indicano che il rafforzamento continuerà quest'anno e il prossimo" e per questo "dovremmo essere incoraggiati ma non interamente soddisfatti".

Sofia Goggia e Andreas Seppi rendono d'oro il venerdì dello sport azzurro
LINDSEY VONN 9: Difficilmente si può interpretare meglio una delle discese più tecniche della Coppa del Mondo donne. Ho buttato al vento un'occasione, ma oggi ho fatto un errore di valutazione e dovrò imparare.

Le stime sulla crescita dell'economia italiana sono riviste al rialzo, ma l'Italia resta un sorvegliato speciale per il Fondo monetario internazionale. Ma il Fondo evidenzia anche l'impatto positivo che dovrebbe arrivare dalle "modifiche alla politica fiscale degli Stati Uniti recentemente approvate" che "dovrebbero stimolare l'attivita', soprattutto con una risposta degli investimenti" legata al netto taglio dell'imposizione sulle imprese. Per la crescita globale 2018 si tratta di una revisione di +0,2 punti rispetto alle ultime stime Fmi e sono dovute - si spiega - a una "ripresa della crescita ampia, con notevoli sorprese al rialzo in Europa e Asia". Cifre, queste ultime, ritoccate verso l'alto di tre decimi di punto. Nell'aggiornamento del World economic outlook, i tecnici di Washington fissano all'1,6% l'incremento del Pil nel 2017, all'1,4% nel 2018 (lo 0,3% in più rispetto a ottobre) e all'1,1% nel 2019 (lo 0,2% in più rispetto alle previsioni precedenti). E questo potrebbe a sua volta rallentare la crescita. Lagarde, dal canto suo, ha comunque puntato il dito contro le "potenziali vulnerabilità del sistema finanziario", eredità del lungo periodo a tassi bassi, che per il prossimo anno invitano a restare "vigili".

Comments