Londra, giallo sulle parole di Di Maio

Adjust Comment Print

Luigi Di Maio è a Londra per convincere gli investitori stranieri che il Movimento 5Stelle è un partito credibile con un programma affidabile: "Dialogheremo con l'Europa, non vogliamo uscire dall'euro".

Larghe intese no, dice Di Maio, perché "hanno distrutto l'Italia", ma sì a un patto.

Ieri l'agenzia di stampa Reuters ha raccontato in un take che Luigi Di Maio, durante l'incontro con la comunità degli investitori internazionali a Londra in cui era accompagnato da Lorenzo Fioramonti, se nessuno avrà i numeri per un governo immagina "una maggioranza a quattro composta da M5S, Pd, Forza Italia e Lega".

Super luna blu: nei cieli mercoledì 31
Il commento, per entrambi gli eventi, sarà a cura dell'astrofisico Gianluca Masi , Responsabile del Virtual Telescope Project . Più fortunati ancora, quelli in Alaska, Hawaii e nord-ovest del Canada che potranno vede l'eclissi dall'inizio alla fine.

L'annuncio è clamoroso se fatto da chi ha sempre parlato delle larghe intese come il male assoluto. Allo stesso tempo, tuttavia, ribadisce che "il giorno dopo le elezioni, se non dovessimo avere la maggioranza dei seggi, farò un appello pubblico a tutte le forze politiche invitandole a convergere sui temi e sulla nostra squadra di governo". Il Pd coglie l'occasione: "Di Maio è talmente confuso da diventare quasi comico". Non può esserci futuro se non sapremo distinguerci come persone pensanti e mature, a prescindere dallo schiamazzo di chi non sa pensare o ha rinunciato a farlo", o anche "stimo le persone libere di dire ciò che pensano nonostante l'appartenenza politica, gente come te ce ne vorrebbe di più in qualunque formazione politica"; tra i secondi si può leggere: "perché continuate a buttare fango sul Movimento che ti ha permesso di candidarti più e più volte?

Roba non da poco se si considera che la manovra finanziaria è il provvedimento più importante che un governo è chiamato a fare ogni anno. "Non si fa, non si fa!". "Non pensavo fosse la modalità per iscriversi a un partito". Nel 2011, invece, fu candidato nella lista di centrodestra "Prima Montevarchi" a sostegno di Luciano Bucci (appoggiato anche dalla Lega Nord). "Iniziamo anche questa avventura elettorale affianco a Luigi, con la speranza che i siciliani e, per quanto mi riguarda i cittadini della provincia di Ragusa, rispondano in massa alle politiche nazionali dando un segnale forte e chiaro di cambiamento, che possa permettere al Movimento 5 Stelle di andare al Governo".

Comments