Macerata, serie di sparatorie in città. Il sindaco: "State chiusi in casa"

Adjust Comment Print

L'auto si è spostata per le vie della città, terrorizzando la città.

Le vie interessate dalle sparatorie sono via dei Velini, via Cairoli, via Spalato, piazza della Stazione.

Il responsabile delle sparatorie è stato bloccato in piazza della Vittoria, dinanzi al Monumento ai Caduti. Tra l'altro, l'autore della sparatoria, Luca Traini (incensurato), vicino ad ambienti di estrema destra, era già stato candidato l'anno scorso per la Lega alle elezioni comunali di Corridonia.

A Macerata da un'auto in corsa sono stati esplosi diversi colpi d'arma da fuoco sui passanti.

Questo il messaggio sui social dei sindaco Carancini: "Restate tutti in casa fino a nuova comunicazione".

Mario Kart Tour arriverà su Android a Marzo 2019
Alla fine del 2005 la saga è arrivata su Nintendo DS con Mario Kart DS, il primo capitolo per console portatile in tre dimensioni. Il secondo episodio, Mario Kart 64, è stato pubblicato nel 1996 per la piattaforma Nintendo 64.

Anche dopo che l'allarme è rientrato, nella città blindata e barricata nelle case, vi è ancora un clima di terrore. "Ho gridato, ho gridato sino a che sono arrivato alla fermata dell'autobus dove alcune persone mi hanno portato in ospedale". Finora 5 persone sono arrivate in pronto soccorso, una di queste si trova in sala operatoria. "Per ragioni di sicurezza tutti gli studenti resteranno a scuola e gli autobus del servizio trasporto pubblico fermi", scrive il comune su Facebook.

"Quanto accaduto oggi a Macerata dimostra che incitare all'odio e sdoganare il fascismo, come fa Salvini, ha delle conseguenze: può provocare azioni violente e trasforma le nostre città in un far west seminando panico tra i cittadini". - Quello che sta succedendo è assurdo. Alla vista degli agenti è fuggito a piedi verso la gradinata del monumento, gettando via alcuni indumenti, poi è stato preso.

Aggiornamento ore 12:56: un uomo è stato fermato dalle forze dell'ordine. Gentiloni in contatto con Minniti Il premier Paolo Gentiloni ha lasciato in anticipo un'iniziativa elettorale con Emma Bonino per seguire da palazzo Chigi gli sviluppi della sparatoria a Macerata. Molti anche i commenti e gli insulti contro gli immigrati, i "neri" che "devono essere espulsi e non devono girare liberamente".

Non è chiaro, comunque, se ci sia un collegamento con l'omicidio della 18enne romana, Pamela Mastropietro. Secondo i primi accertamenti non sarebbero feriti in modo grave.

Comments