Cagliari: ucciso a calci e pugni in un parco giochi Video

Adjust Comment Print

Non si conosce al momento il movente dell'omicidio: i due uomini affermano di aver fermato Crisponi perché li avrebbe investiti con il suo scooter. Una scena violenta sotto gli occhi di decine di persone, anche dei bambini che giocavano nel parco comunale di Capoterra, nell'hinterland di Cagliari a circa 20 chilometri dal capoluogo.

E' accaduto ieri ai campi Erg di via Piazza Armerina, dove si è reso necessario l'intervento dei Carabinieri per sedare gli animi e ristabilire la calma.

Siddi e Farigu hanno affrontato il 56enne sostenendo di essere stati investiti con lo scooter, obbligandolo a fermarsi. Le cause dell'aggressione non sono ancora chiare, tra le ipotesi c'è quella di una discussione legata all'acquisto di droga.

Napoli, Sarri: "Europa League manifestazione ai limiti della follia. Lipsia? Squadra brillante"
Non al meglio Forsgerg, fresco killer dell'Italia nello spareggio valso la mancata clamorosa qualificazione al prossimo Mondiale. Zielinski 6: Ha infiammato molte volte il San Paolo seppur non sia riuscito a spedire la palla in porta.

Danneggiamento, violazione di domicilio, minacce gravi e resistenza a pubblico ufficiale: sono queste le accuse che hanno portato all'arresto di un 45enne, attualmente residente in Toscana.

Crisponi è finito a terra agonizzante, a quel punto i due sono fuggiti a piedi, allontanandosi dalla zona. L'allarme alla centrale del 113 è scattato subito; gli agenti della Volante, una volta sul posto, sono riusciti ad individuare i due responsabili che stavano scappando e a fermarli. Uno di loro sarebbe tornato in zona e i cittadini lo hanno subito indicato ai carabinieri, che lo hanno bloccato; il secondo sospettato, invece, è stato rintracciato poco dopo dai colleghi di Capoterra.

Comments