Pyeongchang, giorno 11: sulle Olimpiadi si abbatte il ciclone doping

Adjust Comment Print

Un atleta russo presente alle Olimpiadi invernali di PyeongChang sotto le insegne degli "Atleti olimpici russi" (OAR) "potrebbe avere violato le regole dell'antidoping". Al momento sono in corso le controanalisi.L' atleta coinvolto sarebbe la medaglia di bronzo del curling doppio misto, Aleksandr Krushelnitckij. Positiva al meldonio era risultata anche la tennista Maria Sharapova e con lei sospesi oltre 170 atleti, molti dei quali russi: una sostanza che gi esperti dicono non migliori le prestazioni agonistiche, piuttosto negli uomini quelle sessuali.

PYONGCHANG (Corea del Sud) - Il giocatore russo di curling Alexander Krushelnytsky sarebbe stato trovato positivo a tracce di meldonio.

Florida, Trump parla della strage ma non menziona mai le armi
"Espulso da scuola per comportamenti violenti e incostanti, vicini e compagni di classe sapevano che aveva grossi problemi. Se avete bisogno di aiuto, rivolgetevi ad un insegnante, ad un familiare, ad un agente, ad una figura religiosa.

Krushelnitckii avrebbe già negato di avere assunto la sostanza e, parlando con i capi della delegazione Oar, avrebbe confidato di temere che durante il ritiro dello scorso gennaio in Giappone un suo compagno non selezionato per i Giochi abbia potuto contaminare una bevanda col meldonium. Protagonista proprio uno di quei 169 atleti russi considerati puliti dopo lo scandalo che ha travolto la squadra di Mosca. E la Russia, che spera di ottenere il via libera per sfilare sotto la sua bandiera almeno alla cerimonia di chiusura domenica prossima, finisce di nuovo nell'occhio del ciclone.

Comments