Giorgio Napolitano: Paolo Gentiloni miglior premier per l'Italia

Adjust Comment Print

La cerimonia è stata aperta dal Presidente dell'ISPI Giampiero Massolo e dal Presidente emerito Giorgio Napolitano, primo vincitore del premio nel 2013 e Presidente onorario dell'Istituto, che nel suo discorso ha ricordato anche la figura dell'amb. Un endorsement in piena regola nel pieno del rush finale di una accesissima campagna elettorale con i radar puntati sulla soluzione delle prevedibili incertezze del dopo-voto e sul difficile compito che attende il capo dello stato Sergio Mattarella.

Le parole d'ordine ci sono tutte: "Paolo Gentiloni è divenuto punto essenziale di riferimento per il futuro prossimo e non solo nel breve periodo della governabilità e della stabilità politica dell'Italia".

Napolitano elogia le doti "decisive" di Gentiloni "da ministro degli Esteri e poi da presidente del Consiglio": "un'attitudine all'ascolto e al dialogo" e uno "spirito di ricerca senza preclusioni", oltre a "coerenza, lealtà, disciplina, impronta di libertà e spirito di ricerca senza preclusione".

Poste, l'utile sale a 689 milioni. Il dividendo sale 0,42 euro
L'incremento e' correlato alla citata dinamica positiva dei ricavi combinata con il forte contenimento dei costi operativi.

E, ancora, ha sotttolineato l'opera del premier uscente nel "perseguire e realizzare un ristabilimento di rapporti proficui e costruttivi con gli alleati europei, permettendogli di conquistare una limpida e motivata fiducia tra gli italiani e nelle relazioni internazionali".

La risposta del premier è altrettanto carica di affetto: "Giorgio Napolitano ha anche dato una ulteriore dimostrazione del suo senso delle istituzioni e della sua generosità", ha detto Gentiloni ricevendo il riconoscimento dall'ex presidente della Repubblica.

Comments