Siria: milizie filo-Assad entrano in enclave Afrin

Adjust Comment Print

Pochi giorni orsono, abbiamo accennato alla situazione di guerra nella provincia siriana di Afrin [VIDEO]. Si tratta del terzo giorno di bombardamenti del governo sull'area.

Vedremo quindi se avranno successo le mosse del Cremlino volte a scongiurare il rischio che le proprie alleanze anti-ISIS e filo-Assad nel teatro Siriano vadano in pezzi: resta comunque sul tappeto la necessità di porre un freno all'espansionismo Turco nell'area, che potrebbe portare a danni difficilmente calcolabili alle relazioni internazionali nell'arroventato scacchiere del Medio Oriente. Inizialmente, il governo autonomo della città, aveva rifiutato l'aiuto del presidente Assad, illudendosi che gli Stati Uniti sarebbero intervenuti in loro aiuto. Le aspettative turche erano probabilmente maggiori, anche perché il governo guidato dal presidente Recep Tayyip Erdoğan era riuscito a ottenere una specie di consenso-assenso dalla Russia per entrare nello spazio siriano e bombardare i curdi (è la Russia che controlla lo spazio aereo della Siria).

Bafta, "Tre manifesti a Ebbing, Missouri" è il Miglior Film
E così per molti Kate Middleton ha fatto una scelta molto intelligente, riuscendo a schierarsi nonostante l'etichetta. Quasi tutte le attrici si sono presentate in nero per appoggiare il movimento "Time's Up" contro le molestie.

Erdogan ha dato alla sua operazione di massacro dei curdi il nome beffardo di "olive branch", cioè ramo d'ulivo, sostenendo che l'invasione del nord della Siria serve a liberare Afrin dai terroristi del PKK. I gialli sono i curdi, i verdi chiari i ribelli siriani, i verdi scuri i turchi e i loro alleati, i rossi le forze di Assad e alleati. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani, precisando che fra i morti ci sono 12 bambini.

Nel contempo, russi e siriani, stanno combattendo l'ISIS a Ghuta est, città ancora in mano allo Stato Islamico e la solita propaganda mediatica, sta stigmatizzando l'operazione militare mettendone in risalto la brutalità, come se analoghi attacchi sferrati da USA e NATO fossero più gentili: la realtà è che la guerra è sempre brutta. Affronteremo anche questo argomento: ma USA, NATO e Unione Europea che dicono?

Comments