Nazionale, Di Biagio: "Ho parlato con Buffon, a marzo ci sarà"

Adjust Comment Print

Di Biagio chiamato al capezzale dei quattro volte campioni del mondo dopo l'onta dell'eliminazione dal Mondiale di Russia per mano della Svezia e il conseguente esonero di Ventura, ha un'idea meravigliosa in testa: "Voglio far bene con questi ragazzi".

Pensa di recuperare qualche senatore? Poi da giugno si faranno altri ragionamenti. Deciderò al momento delle convocazioni. Ed il presente? Si riduce ad uno stage per 24 ragazzi che verranno puntualmente accantonati fra meno di un mese in nome della vecchia e cara restaurazione. Buffon ci sarà perché non può lasciare con la sconfitta con la Svezia, gli ho proposto di fare 2/3 partite e sono sicuro che non si tirerà indietro. La notizia del giorno è che, nelle amichevoli di Marzo e Giugno, a difendere la porta dell'Italia ci sarà il capitano Gigi Buffon. Per gli altri giocatori, senza andare nel dettaglio, ho parlato con molti. "Però poi secondo me ti accorgi con calma, con serenità, con coscienza che ci sono tante altre cose che ti possono dare soddisfazione, tante altre cose che ti faranno sentire importante e ti daranno altre gioie". "La Nazionale ha bisogno sia dell'allenatore che del selezionatore".

"Servono entrambe le figure". Conte ha fatto un grande lavoro e mi confronto spesso con lui. Penso che meriti di essere attenzionato e di essere preso in causa per la Nazionale. Ma le sue intenzioni sembrano chiare: mettere in difficoltà la federazione sulla scelta del nuovo commissario tecnico azzurro. "Non vuole che la sua professionalità voglia essere sminuita tirando in ballo le sue qualità da calciatore". "Federico è un'ottima risorsa per l'Italia".

LIVE Sassuolo-Lazio, cronaca e risultato in tempo reale: formazioni ufficiali
Felipe Anderson ha offerto un'ottima partita contro l'FCSB, gli ho fatto i complimenti come a tutta la squadra. Partivamo da un risultato sfavorevole e siamo stati bravi nel chiudere la pratica nel primo tempo.

"Un giusto mix tra vecchi e giovani". Io se fossi in Buffon leverei dall'imbarazzo il CT e direi: ho chiuso, anche se non benissimo, una carriera in nazionale di altissimo livello. In 8 anni abbiamo stravolto le giovanili e dobbiamo cercare di creare una giusta mentalità.

C'è un buon ricambio dal punto di vista tecnico? Non so se questo può incidere, col Milan abbiamo sbagliato tre rigori su cinque, invece nelle ultime due abbiamo giocato contro squadre superiori, come il Barcellona dove abbiamo perso per episodi ma giocando alla pari.

Incontrerà gli allenatori della Serie A? Ovviamente parliamo dei vari Ancelotti, Mancini, Spalletti e chiunque altro sia stato accostato alla panchina degli azzurri, che cercano un ambiente in cui vincere trofei, cosa che con l'Italia al momento è tutt'altro che certa. Mi confronto con lui continuamente e poi siamo molto amici. Il sistema di gioco non sarà fisso, anche se il mio pensiero va al 4-3-3. Ma loro erano giocatori fa Champions, cioè ragazzi con 50-60 presenze in Champions, mentre i nostri 3-4.

Comments