Elezioni politiche: i candidati del M5s eletti e le percentuali dei Partiti

Adjust Comment Print

Il Movimento, spiegano i 5stelle, si attesta ancora come la prima forza politica dell'Isola con una media regionale che sfiora il 50%, con alcuni comuni che hanno raggiunto oltre il 70% dei consensi. Un risultato che rassomiglia tanto al 61 a zero conquistato dal centrodestra alle politiche del 2001, quando la coalizione guidata da Berlusconi ottenne tutti i collegi della quota uninominale: 20 al Senato e 41 alla Camera. I cittadini hanno votato con convinzione per noi, che non abbiamo responsabilità del disastro degli ultimi venti, trent'anni. La stessa situazione di Catania dove Giulia Grillo e Simona Suriano hanno vinto la sfida al maggioritario, ma i seggi ottenuti al proporzionale sono 3 mentre alle loro spalle resta solo Luciano Cantone.

Un risultato che ora - quale impropria giustificazione - viene definito di "viscerale reazione", ma che non tiene nel debito conto di un operato fallimentare nei confronti di una collettività nazionale che ha aspirato, e aspira, a vedere segnali concreti di cambiamento nei confronti di un modo "personalistico e opportunistico" di gestire la Cosa pubblica.

Chi è Andrea Offredi, il nuovo postino di C'è posta per te?
Finora C'è posta per te ha avuto come "competitor" su Rai1 film in prima visione o in replica e ha stravinto la sfida-Auditel. Rete4Fire Down Below - L'Inferno Sotto Assedio registra 878.000 spettatori con il 3.7% di share.

Insomma, la teoria di Charles Darwin applicata alla politica che sa di apertura a ogni gruppo politico che voglia sostenere il progetto programmatico del M5S. "S'impone adesso una seria riflessione sul futuro del nostro Paese che ha bisogno di certezze e progettualità e su quello del centrodestra il cui perno nel nostro territorio si conferma essere Forza Italia". Alla Camera, Sicilia 2, il Centrodestra ottiene il 30,72% contro il 31,8 del 2013 mentre il Centrosinistra passa dal 21,5% del 2013 al 14,44%. Il centrodestra invece si ferma al 31%. Al collegio per il Senato della Sicilia orientale, poi, Nunzia Catalfo non può lasciare il seggio a una "riserva": il M5s, infatti, ha eletto tutti i 4 candidati a Palazzo Madama. Così il deputato cinquestelle dell'Assemblea regionale siciliana su Facebook, che alle scorse regionali si è piazzato alle spalle di Nello Musumeci nella corsa a governatore. I numeri parlano chiaro: il M5S ha un 12% in più circa, il centrodestra un 10% in meno. Per quanto riguarda il Senato invece questa è la suddivisione dei seggi disponibili con il proporzionale in Sicilia: 8 senatori al Movimento 5 stelle, tre a Forza Italia, due al Partito democratico e uno ciascuno alla Lega, a Liberi e uguali e a Diventerà bellissima. Il Pd ottenne il 18,5% e la lista Il megafono Crocetta il 6,2%, Sel l'1,6%.

Comments