Champions, Juve stellare a Wembley: battuto il Tottenham in rimonta ( 1 - 2 )

Adjust Comment Print

È stato vano, dunque, il gol del vantaggio di Son come si è dimostrata inutile la vittoria del Tottenham all'andata (2-2). Inglesi sempre pronti a verticalizzare, con Son degna spalla del fuoriclasse Kane sul fronte dell'attacco.

Serata magica per la Juventus che supera il Totteneham e raggiunge i quarti di Champions League, dopo lo svantaggio iniziale seguito da una lunga ed estenuante sofferenza interrotta dai lampi di Higuain e Dybala.

Al 39′ arriva il vantaggio londinese, con Son che sugli sviluppi di un batti e ribatti in area, mette dentro da pochi passi con una conclusione sporca che beffa Buffon.

In caso di qualificazione ai quarti di Buffon e compagni e contestuale eliminazione dei giallorossi agli ottavi per mano degli ucraini dello Shakhtar Donetsk, invece, la cifra da incassare per i bianconeri salirebbe a 81,1 milioni di euro, con la Roma che scenderebbe a circa 60 milioni. I bianconeri tra l'altro possono recriminare parecchio per un calcio di rigore solare negato al 17' su Douglas Costa dopo il fallo di Vertonghen. Per l'arbitro e gli assistenti non c'è nulla.

ELEZIONI. Di Maio: "Un risultato che ci proietta verso il Governo dell'Italia"
La pagina Facebook di Luigi di Maio è supportata dal blog delle Stelle che provvede a scrivere gli articoli poi pubblicati. Il giorno dopo, sotto la casa dei genitori dell'aspirante premier dei 5 Stelle, c'è un viavai di giornalisti.

La partita cambia quando Allegri inserisce Lichtsteiner e Asamoah, dando equilibrio e ordine con il 4-4-2 e risparmiando Barzagli dai compiti di terzino. Al minuto 38 grossa chance per Son: lancio perfetto di Davies a sinistra, Son entra in area e poi conclude col sinistro: di nulla sul fondo.

Abbiamo intervistato Paulo Dybala nel post gara, che ha raccontato ai nostri microfoni la sua analisi personale. Il Tottenham fa la partita, la Juventus soffre, è nervosa, si carica di gialli con Chiellini, Alex Sandro e Benatia.

Proprio una delegazione della Juventus partirà immediatamente da Londra per arrivare in tempo a Firenze, dove giovedì mattina alle 10 sono in programma i funerale nella chiesa di Santa Croce. L'1-1 - griffato Gonzalo Higuaín - arriva al 64: cross del subentrato Stephan Lichtsteiner, sponda di Khedira e zampata del Pipita che fulmina Hugo Lloris. "Io sono molto fiero e molto orgoglioso perché abbiamo fatto due ottime prestazioni e abiamo dominato contro un'ottima squadra come la Juventus, che ha disputato due finali di Champions negli ultimi tre anni". Brividi al 34' quando Chiellini anticipa alla grande Kane rischiando però l'autogol. Eriksen stoppato in angolo e poi ancora Son, con un sinistro dal limite (36') a far tremare la Juve: il suo tiro è finito una spanna fuori.

Comments