Vaccini: per Regione Liguria nessun minore allontanato da scuola dal 10 marzo

Adjust Comment Print

Considerato che la frequentazione da ormai circa 6 mesi dei minori di 6 anni nelle rispettive classi delle scuole dell'infanzia, del conseguente breve periodo che intercorrerà tra il 10 marzo e la fine dell'anno scolastico e del fatto che l'esclusione improvvisa probabilmente sarebbe traumatica, si invitano i responsabili delle scuole dell'infanzia e dei servizi educativi dell'infanzia a non interrompere la frequenza, negli ultimi mesi del corrente anno scolastico, per i minori non vaccinati.

Lo stabilisce una circolare inviata nei giorni scorsi dal Ministero della Salute e dal Ministero dell'Istruzione, secondo la quale il Piemonte rientra nelle regioni italiane maggiormente virtuose, in quanto già dotata di un'anagrafe vaccinale. Entro il 30 aprile inoltre, le Scuole dovranno inviare alla AUSL i documenti loro consegnati od informare della mancata consegna.

Secondo Carlo Signorelli, però, è improbabile che questi bimbi non verranno riammessi a scuola.

Siamo molto preoccupati perché, ad oggi, non c'è stata ancora nessuna comunicazione specifica al riguardo, pur avendo avuto la massima disponibilità al dialogo da parte dei nove sindaci dell'Unione Rubicone e Mare.

Napoli: Reina ormai viaggia verso il Milan
Così lo spagnolo ha iniziato il suo ultimo anno in azzurro e a fine stagione si trasferirà con la sua numerosa famiglia a Milano . Praticamente solamente i tre portieri costerebbero al Milan più di 20 milioni lordi a stagione.

Il 10 marzo è il termine ultimo per consegnare tutta la documentazione che provi che siano stati fatti tutti i 10 vaccini previsti dal decreto legge Lorenzin.

Regione, Ufficio scolastico regionale, Anci e direttori dei dipartimenti di prevenzione delle tre aziende sanitarie, hanno deciso di considerare tra i regolari anche coloro che hanno preso appuntamento, non per la somministrazione del vaccino, ma per un colloquio propedeutico.

Sono dieci le vaccinazioni obbligatorie: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella. Si precisa tuttavia che tutti i minori da uno a 16 anni che risultavano non in regola con il calendario vaccinale, hanno ricevuto dall'Ausl una lettera con l'appuntamento fissato, quindi tutti hanno avviato un percorso di recupero, mentre solo a fine anno scolastico si avra' il quadro completo dei minori non ancora in regola.

I bambini non in regola con l'obbligo vaccinale saranno sospesi da nidi e scuole materne in Toscana. L'antivaricella è obbligatoria solo per i nati dal 2017. In pratica, spiega Feliziani, "non potrà verificarsi alcun caso di genitori che non potranno far entrare i figli a scuola perché non sono riusciti a farli vaccinare: il problema si presenterà solo per chi ha deciso volontariamente di non far vaccinare i propri figli".

Comments